Sport

Il Catania passa il turno, con il Potenza basta l’1-1

Con una corsa finita in rete di Matteo Di Piazza il Catania elimina il Potenza e si qualifica alle semifinali play-off della Serie C.

Sottil cambia poco rispetto alla gara di andata inserendo Carriero al posto di Bucolo e confermando Sarno sulla trequarti con Lodi ancora in panchina.

Mister Raffaele, invece, schiera il suo Potenza con un 5-2-3 atto a contenere le fasce e aggredire il centrocampo. Infatti, l’inizio di gara è certamente di marca lucana con il Catania chiuso nella propria metà campo ed il Potenza a mantenere il pallino del gioco.

Al 12esimo sugli sviluppi di un calcio d’angolo Emerson cross al centro e Lescano, lasciato colpevolmente solo dalla difesa rossazzurra, colpisce di testa battendo Pisseri.

Potenza in vantaggio e doccia gelata per gli oltre 11mila spettatori del Massimino che immediatamente provano a spronare la propria squadra.

Il Catania prova ad alzare il proprio baricentro, ma il trio d’attacco del Potenza è uno muro difficile da abbattere per gli uomini di centrocampo etnei e così la manovra ne risente.

Al 18esimo un filtrante di Biagianti trova Di Piazza in area di rigore, ma il sinistro del numero 32 rossazzurro viene respinto dal portiere avversario.

Poi è Sarno a rendersi pericoloso con un calcio di punizione da buona posizione che il numero 7 calcia di poco sopra la traversa.

Al 43esimo altra occasione per Di Piazza il cui diagonale in area di rigore viene respinto dalla difesa del Potenza e, nella circostanza, sono veementi le proteste di Biagianti e compagni per un tocco di mano da parte di un difensore in maglia bianca. L’arbitro Camplone lascia proseguire e dopo solo 60 secondi di recupero manda tutti negli spogliatoi.

Nella ripresa Sottil, che nell’intervallo è stato espulso dall’arbitro per proteste, inserisce subito Lodi e Baraye per Carriero e Marchese cercando di aumentare il tasso tecnico e schiacciare la squadra ospite.

In effetti il baricentro dei rossazzurri si alza, ma sono ancora una volta i lucani a rendersi pericolosi in attacco con Guaita che tutto solo davanti a Pisseri viene chiuso al momento del tiro da Baraye.

Sull’altro fronte, occasione per il solito Di Piazza che su un traversone teso di Lodi prova la deviazione vincente che termina a lato di poco.

Poi è la volta di Curiale e Manneh che sostituiscono Marotta e Biagianti, mentre il Potenza fa entrare Franca, il centravanti autore della rete del pareggio nella gara di andata.

A poco più di dieci minuti dalla fine, al Massimino Di Piazza si trasforma in Usain Bolt e con uno scatto incredibile sulla trequarti supera due avversari, entra in area di rigore e di sinistro batte il portiere ospite.

È il goal qualificazione che fa letteralmente esplodere di gioia i tifosi etnei e che fa del numero 32 rossazzurro il vero uomo di questi playoff, con il terzo goal consecutivo in tre partite.

Negli ultimi minuti il Potenza prova a riversarsi nell’area rossazzurra e con l’attaccante Franca sfiora il vantaggio con un colpo di testa fuori di non molto, ma dopo 5 minuti di recupero Campione fischia la fine che sancisce il passaggio del turno per i rossazzurri.

L’obiettivo è stato centrato, ma la fatica è stata più del dovuto come conseguenza di una prestazione nettamente inferiore a quella vista solo 7 giorni fa contro la Reggina.

C’è voluta la giocata di un singolo, Di Piazza, per acciuffare una qualificazione che era più che necessaria per continuare a sognare.

Fortunatamente, nella rosa etnea ci sono diversi calciatori in grado di avere la giocata vincente, ma per andare in fondo è necessario recuperare quella brillantezza e quella convinzione che oggi si è vista poco.

Adesso attesa per il sorteggio che ci dirà chi sarà l’avversario per le semifinali. Avanti Catania!

In alto