Sport

Il Catania vuole riprendere la corsa. Calapai: “Vogliamo risalire la classifica”

Dopo il rinvio della gara contro la Paganese per l’impraticabilità del campo dello stadio “Marcello Torre” di Pagani, il Catania di Lucarelli prepara la sfida di domenica prossima contro la Sicula Leonzio.

Il derby contro la formazione lentinese sarà l’occasione per capire se la sosta forzata è stata un vantaggio per migliorare forma e condizione del gruppo agli ordini del tecnico toscano.

Ovvio che non aver giocato non ha dato la possibilità di vedere lo stato dei progressi attraverso il risultato ma, a differenza di tre giorni fa, Lucarelli contro la Leonzio potrà avere a disposizione qualche elemento in più che a Pagani era andato solo a fare numero.

Il riferimento è a giocatori come Lele Catania e Davide Di Molfetta che stanno pian piano recuperando dai rispettivi infortuni che li hanno tenuti lontano dal campo per diverse settimane.

Con loro e con il pieno recupero di Saporetti, in attesa del ritorno di Sarno ed Esposito, mister Lucarelli avrà l’opportunità di giocarsi la prossima sfida interna con più frecce al proprio arco e cercare di ottenere quei punti necessari per risalire la classifica che, al momento, vede i rossazzurri nientemeno che al 12esimo posto in classifica.

A tal proposito e su altri argomenti come il cambio di allenatore, si è espresso quest’oggi in conferenza stampa Luca Calapai:

“Non è una bella sensazione, cerchiamo di guardare meno la classifica. Non vogliamo fare calcoli. Sicuramente fa male vederci li, perché secondo me non lo meritiamo, ma dobbiamo essere noi stessi a tirarci fuori da questa situazione in un modo o nell’altro e sono convinto che ci riusciremo. Il cambio dell’allenatore è purtroppo un fallimento. Quando si cambia allenatore è sempre un fallimento. Sicuramente sono due tecnici che hanno due modi diversi di allenare. Per quanto riguarda Lucarelli, avevo già parlato con i compagni che lo avevano avuto due anni fa, me ne hanno parlato assolutamente bene e non posso che confermare. Per quanto riguarda i rapporti, riesce a confrontarsi e si mette anche nei panni del calciatore, è una sorta di mental coach anche per noi. Anche per questo motivo è molto bravo.”.

I rossazzurri proseguiranno la preparazione per la gara contro la Sicula Leonzio con una doppia seduta nella giornata di domani, una sessione di allenamento venerdì pomeriggio e la rifinitura prevista per sabato mattina con le successive convocazione per la gara di domenica che si svolgerà alle 17:30 allo stadio Angelo Massimino.

In alto