Archivio

Il Consorzio Euroagrumi ad Expo 2015. Porterà con se il ficodindia e la ciliegia dell’Etna D.O.P.

Trasferta per il ficodindia e la ciliegia dell’Etna Dop che arrivano a Milano in occasione della grande esposizione mondiale. All’interno di un evento che ruota intorno a temi fondamentali come quello della sostenibilità, dell’alimentazione e della nutrizione non poteva mancare il Consorzio Euroagrumi O.P. di Biancavilla, che sarà presente ad Expo Milano 2015 il 23-24-25 Ottobre presso il Cluster BioMediterraneo.
Migliaia di visitatori avranno l’occasione di conoscere uno dei frutti più rappresentativi dell’Isola, il ficodindia, vera icona del gusto e della qualità siciliana. Un prodotto genuino che verrà presentato dal Consorzio nelle sue tre varietà tipiche: la Sulfarina, dalla polpa gialla, la Sanguigna, dalla polpa rossa e la Muscaredda, dalla polpa bianca.
Oltre ai frutti freschi, verranno esposte deliziose confetture di ciliegie e ficodindia, liquori di ficodindia e sarà anche possibile degustare dei freschi e gustosi centrifugati. Inoltre, saranno realizzati dei piatti particolari come il risotto al succo di ficodindia e pepato fresco.
A rappresentare il Consorzio Euroagrumi sarà il suo Presidente, il dott. Salvatore Rapisarda e il dott. Francesco Batticane, Presidente del Consorzio per la tutela del ficodindia dell’Etna D.O.P. . Sarà presente, inoltre, anche il Presidente del Consorzio per la tutela della Ciliegia dell’Etna D.O.P., l’On. Salvino Barbagallo.
Nel corso del weekend verranno distribuiti diversi opuscoli e  proiettati dei video informativi sul ficodindia e sulla ciliegia per far conoscere le caratteristiche salienti e la storia dei prodotti.
Una vetrina importante quella di Expo per la promozione di due dei frutti più buoni che la terra siciliana produce, un’occasione per la valorizzazione di alimenti sani, che hanno numerosi effetti benefici sull’organismo e che vengono prodotti nel pieno rispetto dell’ambiente.

Uff. Stampa
  Maddalena Batticane

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto