Cronaca

Il saluto del capitano Provenzano alla città di Paternò – di Carmelo Caruso

20160729_185813mod

Ieri pomeriggio il capitano dei carabinieri Lorenzo Provenzano, comandante della Compagnia di Paternò (comprendente otto stazioni dei comuni del comprensorio) ha dato il suo saluto alla città e al territorio durante un incontro con le istituzioni e i cittadini nello spiazzo antistante la stazione di comando di Paternò. Dopo 4 anni di intenso, non facile ma appassionato servizio, lascia il nostro territorio per andare a comandare l’importante compagnia di Brescia, secondo capoluogo lombardo. Dopo aver ringraziato tutti coloro con i quali si è trovato a collaborare, dai militari agli organi istituzionali e alle realtà civiche ed ecclesiastiche, in questi anni di servizio nella città della collina storica, di cui non ha nascosto di essersi innamorato, ha augurato a Paternò e a tutto il territorio di poter continuare nel percorso di legalità, lotta alla criminalità e sviluppo economico che, come ha più volte sottolineato, sono strettamente connessi.

Quando incontrai per la prima volta Lorenzo, mi avvicinai subito a lui col desiderio di ringraziarlo. L’Arma ha sempre esercitato un certo fascino su di me, forse per via del nonno carabiniere, o non so per quale altro motivo. Avevo riconosciuto il giovane capitano, comandante della compagnia dei carabinieri di Paternò, lui, ovviamente non conosceva me. Quando lo ringraziai, lui, sorpreso, mi chiese per cosa lo stessi ringraziando. “Come per cosa?” Gli risposi, “grazie di essere un Capitano dei Carabinieri! Per aver fatto la scelta di essere un carabiniere e per tutte le cose che l’Arma fa per noi cittadini!” Immaginatevi se all’improvviso un perfetto sconosciuto si avvicinasse a voi stringendovi la mano e ringraziandovi. Chiunque sarebbe colto da sorpresa. Eppure la cosa che mi ha colpito di più è stata proprio la sorpresa per il mio grazie, non se lo aspettava. Credo perché in genere i carabinieri pensano che quello che fanno sia il loro dovere, lo fanno e basta, perché sentono che bisogna farlo, perché è la loro vocazione, la loro missione. Perché sentono quella vocina dentro di sé, quella con cui il Signore parla al nostro cuore per indicarci la nostra strada. Rischiano la vita, si impegnano senza riserva per garantire la sicurezza, la legalità e la libertà di tutti noi, e non si aspettano nessun ringraziamento.

Eppure ogni tanto un “grazie” nei loro confronti da parte nostra è doveroso, fa arrivare un messaggio di sostegno e di vicinanza, un incoraggiamento a continuare a svolgere con maggior passione il loro impegno per la comunità.

L’augurio, quello che molti gli hanno già fatto ieri, è che possa raggiungere traguardi sempre più importanti nella sua carriera e che, magari, un giorno possa tornare nuovamente nel nostro territorio con un più importante incarico di comando.

Quindi GRAZIE! E buona Strada!

Carmelo Caruso

 

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto