Archivio

Immigrazione. “Girarsi dall’altra parte significa condannare a morte anche bimbi appena nati”

Nelle scorse ore il sindaco Enzo Bianco, alla presenza dell’assessore al Welfare Angelo Villari, la funzionaria Carmela Campione e l’esperto del settore Salvo Consoli, si è recato al porto di Catania per accogliere i 157 migranti raccolti della Kustbevakning, ossia la Guardia costiera svedese.
Dopo un primo soccorso sul molo Catanese, i migranti tra cui due minori sono stati trasferiti nel Centro richiedenti asilo di Mineo e nelle strutture di Messina e Palermo.

Bianco dopo aver visto i migranti ha dichiarato: “Due bambini bellissimi scampati grazie ai guardamarina svedesi al rischio di una morte atroce in mare. Su certe vicende dovremmo riflettere molto quando ci si chiude a riccio nei confronti di questo fenomeno di dimensioni sempre più ampie. Bisogna riflettere sul significato della parola solidarietà e comprendere che, a girarsi dall’altra parte, a ignorare quanto avviene, si rischia di condannare a morire bambini come questi. Il sorriso splendido di quel ragazzino iraniano vorrei dedicarlo ai miei colleghi delle regioni del nord che si turbano se devono accogliere qualche immigrato in più”.

Cettina La Fata

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto