Archivio

Istituire la “Giornata del paesaggio siciliano”. La proposta dell’Ass. Amici della Terra

Il consiglio nazionale di “Amici della Terra”, storica associazione ambientalista riconosciuta dal ministero dell’Ambiente e attiva in Italia dal 1978, ha approvato la proposta presentata dal presidente del coordinamento regionale, Ettore Barbagallo, per l’istituzione della “Giornata del Paesaggio siciliano”.

La mozione verrà ufficialmente inoltrata nei prossimi giorni al presidente della Regione Siciliana, con l’obiettivo di applicare i principi della Convenzione Europea siglata a Strasburgo il 20 ottobre del 2000, per promuovere la protezione, la valorizzazione e il miglioramento  dei paesaggi siciliani, in particolare quelli dalla forte connotazione naturale o storico-architettonica.

«Così come recita l’articolo 9 della Costituzione Italiana, il paesaggio è un “bene collettivo” che va difeso e curato – spiega Ettore Barbagallo, presidente di Amici della Terra Sicilia, ente che da anni promuove attività ambientali, culturali e scientifiche sul territorio – vogliamo chiedere alle istituzioni competenti di far aderire la Regione Siciliana alla rete europea per l’attuazione della convenzione, perché oggi più che mai quest’Isola ha bisogno di essere preservata e valorizzata. È necessario infatti sviluppare una nuova cultura del territorio, quale strumento di sviluppo sostenibile e di promozione di qualità della vita».

La presidente nazionale degli Amici della Terra, Monica Tommasi, ha dichiarato che s’impegnerà, insieme a Barbagallo, per avviare un percorso dell’iniziativa sia in ambito nazionale che comunitario.

La “Giornata del Paesaggio siciliano”, potrebbe essere istituita il 20 ottobre 2015, in occasione del 15° anniversario dalla sottoscrizione della Convenzione Europea, quando, presso la sede del Parco dell’Etna a Nicolosi, si svolgerà “Sicily landscape day”, una giornata di studi e approfondimenti con i maggiori esperti del settore.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

 

In alto