Archivio

La “Rainbow”, basket femminile, incontra la città a conclusione di una magnifica stagione.

A cura di Ornella Fichera

Il basket è anche donna. Il glorioso team di basket “Rainbow” (tutto al femminile) del Presidente Fabio Ferlito vuole rappresentare la città di Catania nel panorama cestistico etneo, siciliano e nazionale. Ecco che incontra la città, presso la tenuta Sciarelle di Viagrande, alla presenza della stampa e di tutti gli amici, per i “saluti finali” a conclusione di una stagione sportiva straordinaria, segnata dal record di vittorie in campionato.
I due video proiettati in sala dedicati alla prima squadra e alle formazioni giovanili hanno suscitato grande emozione e un pizzico di commozione. Ma adesso è tempo di pensare al presente che significa settore giovanile e riconferme. L’assistant coach Alfredo Greco ha dichiarato infatti che «Una programmazione importante parte da un settore giovanile fiorente. Non dobbiamo diventare una meteora ma dobbiamo confermarci».
Gabriella Di Piazza, che ha svolto un lavoro encomiabile soprattutto con le giovani, oltre che con la prima squadra, ha spronato le più giovani a fare sempre meglio.
Uno sguardo anche alla situazione degli impianti sportivi, con l’intervento del Presidente della Fip Catania Michelangelo Sangiorgio, che insieme al vice presidente Carmelo Carbone, ha preso l’impegno di richiedere all’amministrazione comunale la gestione dei campi da parte delle società.

A concludere l’incontro, l’intervento del Presidente Ferlito: «Abbiamo bisogno di una casa, perché riuscire a fare sport qui a Catania è diventato impossibile. Chiediamo anche di avere più ore per gli allenamenti così da permettere a tutte le nostre atlete di potersi allenare in ugual modo».

Si rimane in attesa di conoscere il campionato in cui le etnee giocheranno nella prossima stagione: ancora in bilico, infatti, due possibilità, quella della Serie B nazionale e quella della Serie A2.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto