Cronaca

Largo Famà: un piccolo giardino per ricordare il penalista

giardino-fama-1

Riceviamo e pubblichiamo integralmente

Il sindaco Bianco: “Vedendo come era ridotto questo posto avevo assunto l’impegno di darvi una sistemazione dignitosa perché è dedicato a una vittima della mafia, a una persona alla quale Catania deve molto”. Il ringraziamento della famiglia, presente con le associazioni per la legalità. Messi a dimora piante di ulivo, palma nana e rosmarino creando uno spazio arredato con rocce in pietra lavica e da panchine in mattoni su ghiaia stabilizzata in due colori

“Era un atto dovuto: siamo qui non per tagliare nastri, ma per dedicare in maniera semplice e civile questo luogo finalmente gradevole e fruibile a Serafino Famà”.
Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco consegnando alla città il riqualificato Largo intitolato al penalista proprio in quel luogo ucciso dalla mafia il 9 novembre del 1995. Un mese dopo Bianco, da sindaco, aveva fatto porre sul piazzale una targa rimossa da ignoti nel 2009 e ricollocata nel 2011. L’anno dopo la città aveva dedicato quello spazio alla memoria di Famà.
Il Sindaco ha rievocato la vicenda umana e professionale del penalista parlando con la vedova, Vittoria Tudisco, e con il figlio Fabrizio – l’altra figlia, Flavia, non era a Catania – i quali hanno ringraziato l’Amministrazione.
“Quando venne ucciso – ha ricordato Bianco – non ebbi il mimimo dubbio a dichiarare immediatamente che si trattava di un omicidio di mafia. Sottolineai che era stato colpito un uomo sempre pronto a difendere il proprio ruolo di avvocato e lo Stato di Diritto. Serafino Famà, infatti, ha pagato con la vita questa consapevolezza. Per questo, dopo la sua uccisione, volli che il Comune si costituisse parte civile nel processo per il delitto. L’anno scorso, vedendo come era ridotto questo posto, avevo assunto l’impegno di darvi una sistemazione dignitosa proprio perché è dedicato a una persona alla quale Catania deve molto. Ho avuto, come sempre, difficoltà, ma con la collaborazione dei dirigenti comunali, dei dipendenti del Servizio Manutenzioni e della Multiservizi e di tanti che hanno voluto dare una mano, stasera, il giorno prima del ventunesimo anniversario della sua uccisione, siamo qui a ricordare l’avvocato Famà”.
All’incontro erano presenti tra gli altri la presidente del Consiglio comunale Francesca Raciti, l’assessore alla Legalità Rosario D’Agata, e numerosi esponenti della Società civile tra cui Maria Teresa Ciancio, presidente della Fondazione Giuseppe Fava con la vicepresidente Francesca Andreozzi, il presidente della Fabbrica del Decoro Renato Camarda e Dario Montana di Libera. Presenti inoltre i consiglieri comunali Elisabetta Vanin, Francesco Petrina, Alessandro Porto e Carmelo Sofia, il capo di Gabinetto Beppe Spampinato, Giovanni Giacalone presidente della Multiservizi, il consulente per i rapporti istituzionali Francesco Marano, Salvo Rapisarda ed Emanuele Giacalone, presidenti rispettivamente detta Terza e della Quarta Municipalità, alcuni consiglieri di quartiere e numerosi dirigenti e funzionari comunali tra i quali Lara Riguccio, che dirige il Servizio Verde pubblico e ha progettato il piccolo giardino con poche esigenze d’acqua e manutenzione realizzato per il piazzale Famà. Sono stati messi a dimora in piena terra e in grandi vasi, piante di ulivo, palma nana e rosmarino. La ghiaia stabilizzata in due colori ha fatto il resto, insieme a un arredo di rocce in pietra lavica donate dalla Ferrovia Circumetnea e da panchine in mattoni donate dall’Ance di Catania.

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto