Cronaca

Lavoro nero, sospese tre attività imprenditoriali in provincia di Catania

carabinieri lavoro nero 2

I Carabinieri del NIL e del Comando Provinciale di Catania, insieme agli Ispettori civili della DTL e su impulso del Direttore della Direzione Territoriale del Lavoro nel proseguire la campagna di controlli nel commercio e in edilizia, hanno scoperto ancora lavoro nero e irregolarità nell’ultima settimana. Il lavoro nero, un cancro che mantiene le sue metastasi irradiate nel corpo del mondo del lavoro: i Carabinieri, una cura concreta.

Le operazioni, come nelle settimane precedenti, si sono svolte a Catania e provincia ed hanno permesso di:

  • controllare 7 aziende e verificare 38 posizioni lavorative;
  • scoprire 13 lavoratori in nero e 1 irregolari;
  • contestare sanzioni amministrative per 54.000,00€;
  • elevare 8 ammende per 35.249,00€;
  • recuperare contributi per 18.400,00€, nonché relative sanzioni INPS per 5.300,00€;
  • sospendere l’attività imprenditoriale di 3 aziende per la presenza di:

. 1 in nero su 2 presenti, un ristorante ad Acicastello;

. 10 lavoratori in nero su 10 presenti, un ristorante a Catania;

. 3 lavoratori in nero su 3 presenti, una ditta edile ad Acireale.

 La sicurezza del luoghi di lavoro e la ferma attività di prevenzione alle c.d. “morti bianche” hanno fatto emergere ulteriori violazioni nei controlli in edilizia. Le violazioni risultano essere spesso le stesse, a significare che la sicurezza del lavoro per certuni imprenditori rimane un fatto residuale e un costo da abbattere: ma la continua azione di contrasto porterà, prima o poi, a fare emergere la necessità del rispetto di tali normative, sia per riguardo ai lavoratori che a fine giornata devono tornare interi dalle loro famiglie, sia per la rilevanza penale delle violazioni di cui si scopre l’importanza allorché emergono nei controlli.

Nel particolare sono stati deferiti all’AG catanese:

  • un titolare d’azienda edile di Acireale per avere omesso di formare, informare e sottoporre a sorveglianza sanitaria i propri dipendenti;
  • il legale rappresentante di un’azienda edile di Catania per avere utilizzato in un cantiere di S. Giovanni La Punta un impianto elettrico inidoneo;
  • il legale rappresentante di una seconda azienda di Randazzo, operante nel medesimo cantiere di S. Giovanni La Punta per avere consentito l’utilizza di un impianto elettrico inidoneo.

Nei prossimi giorni proseguiranno i controlli con la variazione di orari e tipologie di esercizi.

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto