Politica

Lettera aperta al Sindaco e ai Consiglieri comunali

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Carissimi,

come sapete, si apre, nei primi giorni di aprile, un´intensa campagna referendaria.
Comitati diversi s´impegnano a raccogliere le firme necessarie a  promuovere quesiti referendari che, nelle nostre intenzioni, si propongono di annullare e/o correggere le pessime riforme che, un governo , eletto da un parlamento le cui modalità di elezione sono state dichiarate incostituzionali dalla consulta, ha posto in atto. Dal jobs act alla così detta “Buona scuola” (voluta da Confindustria), all’Italikum, all’eversione di un terzo degli articoli della Costituzione. Sappiamo che, di questo strappo, Lei , il sindaco di Catania, è, nella qualità di membro del PD, complice e responsabile.
Ma, a lei  spettano obblighi “morali”, oltre che “legali”, cui non puó sottrarsi, cioè,  la disponibilità dell’amministrazione comunale a garantire il processo di certificazione delle firme da parte dei funzionari comunali nelle strutture centrali e periferiche del Comune e il compito di dare la più ampia pubblicità dei luoghi,  date e orari in cui questo diritto può essere esercitato.
Tutto ciò richiede un incontro tra l´amministrazione comunale ed i Comitati che i Referendum  propongono. Se il suo tempo non lo consente, può delegare ad altri il compito. Non ne saremmo offesi come, invece, siamo per la mancata risposta alla nostra lettera del 22 febbraio scorso , consegnata al protocollo generale. Comprendiamo che sia più eccitante inaugurare “discoteche chiacchierate”, ma , ai suoi obblighi istituzionali bisognerà, qualche volta, richiamarLa.
Ai consiglieri comunali, a tutti, indipendentemente dalle loro scelte politiche, chiediamo di offrirsi nella qualitá di certificatori. Si garantisce cosí quel rapporto tra cittadini e loro rappresentanti che è, in ogni caso, il sale di una  democrazia che, troppe volte invocata, è sistematicamente violata ed umiliata.
Attendiamo, urgentemente, un qualsiasi riscontro alla presente.

Comitato Coordinamento Democrazia Costituzionale Catania

In alto