Blog

L’importanza delle notizie – Blog Galante

Notizia n. 1 – L’ISTAT certifica che, in confronto con il primo trimestre del 2015, nei primi tre mesi di quest’anno c’è stato un calo delle assunzioni stabili del 77% (settantasette). Un’enormità. Ciò a dimostrazione di quanto affermiamo da tempo cioè che gli incentivi hanno temporaneamente drogato il mercato del lavoro, ma che, senza altre e più importanti misure, sono sostanzialmente privi di effetti positivi a lungo termine. Non era difficile capirlo. Commenti del governo? Non significativi
Notizia n. 2 – L’EUROSTAT, l’organo europeo che cura le statistiche su base continentale, certifica che i lavoratori “scoraggiati”, cioè coloro i quali non cercano lavoro perché hanno perso ogni speranza di trovarlo, in Italia sono 3,5 milioni (3.500.000!), in Germania poco più di 500 mila, in Francia poco più di 600 mila. Personalmente non ho parole per commentare questo dato ma sembra che anche il governo sia nelle mie condizioni poiché non mi risulta pervenuto alcun commento da parte dell’entourage di Renzi.
Notizia n. 3 – Sempre in ISTAT, questi bricconcelli, si certifica come il fatturato dell’industria italiana abbia perso a marzo il 3,6%, la flessione peggiore degli ultimi due anni, e che le vendite al dettaglio siano arretrate dello 0,8%, vanificando, in buona sostanza, gli incrementi registrati a gennaio e febbraio.
Notizie da spavento? No
Segnali preoccupanti per il mercato del lavoro e significative evidenze di errori nella politica economica? Neanche
Timidi spunti di riflessione? Nemmeno
Perché? Perché siamo italiani. Siamo allergici ai numeri, alle statistiche ed a quello che significano. Siamo un Paese di “poeti, santi e navigatori”, non di matematici, ragionieri e passacarte. E’ un fattore culturale. Siamo fatti per imprese eroiche, per apprezzare e corteggiare una bella donna, per ammirare un tramonto, per tessere relazioni, quindi, signore e signori… ecco le notizie importanti.
Notizia n. 4 – Il ministro (o la ministra) per le riforme Boschi, donna che per ovvi motivi si osserva più di quanto si ascolti, in un impeto dialettico per lei inusuale, distingue tra partigiani che hanno veramente combattuto ed altri che, evidentemente, non lo hanno fatto. Gaffe monumentale ma eco politica straordinaria.
Notizia n. 5 – Dal Giappone il nostro Presidente del Consiglio ci comunica che c’è forte sintonia tra lui ed Obama su alcuni importantissimi temi dell’agenda politica.
Certo qualcuno potrebbe comunicargli che tra qualche mese Obama lascerà il suo prestigioso scranno alla Casa Bianca e che una “sintonia” con la Clinton o, ancor meno, con Trump potrebbe essere un po’ più difficile, e che quindi, forse, non è il caso di vantarsi…
Contemporaneamente annuncia che il prossimo G7 si terrà in Italia… bene, in Sicilia… perfetto, a Taormina… assurdo, ridicolo e senza senso logico.
In attesa di altre… fine delle notizie importanti.
Non sterili numeri, statistiche e proiezioni ma gaffe, progetti e relazioni inutili.
Poco importa se per trovare lavoro un giovane deve andare dall’altra parte del mondo, poco importa se i negozi sono chiusi o stanno chiudendo, poco importa se abbiamo una pressione fiscale tra le più alte al mondo con una qualità di servizi da terzo mondo.
Poco importa se numeri,statistiche e previsioni economiche ci stanno mordendo il sedere da un pezzo. Noi guardiamo da un’altra parte.

Luca Galante
Consulente Aziendale

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto