Sport

Lucarelli: “Domani voglio fare risultato. Da domenica scorsa gerarchie azzerate”

Nella sala stampa di Torre del Grifo il mister Cristiano Lucarelli ha presentato la gara che domani il Catania disputerà a Catanzaro contro la formazione locale allenata da Grassadonia.

21 i calciatori rossazzurri convocati, dato che restano in sede Calapai, Mbende, Saporetti, Sarno, Welbeck, Rossetti e lo squalificato Dall’Oglio. Ecco le parole del mister toscano raccolte dalla nostra redazione:

“Spero che domani i miei ragazzi scenderanno in campo alle 20:30 e non un’ora dopo come contro la Leonzio. Lavoriamo molto sull’aspetto mentale affinché i ragazzi scendano in campo sin da subito con la concentrazione giusta. Affronteremo una squadra che ha una rosa corposa con un potenziale importante in tutto le zone del campo e, per questo, la reputo una delle migliori squadre del campionato. Sarà una partita dove bisognerà essere bravi ad essere camaleontici durante la gara. Io tengo tantissimo a questa trasferta perché, insieme a quella di Teramo e Bari, è fra le partite più insidiose e se riuscissimo a fare risultato sarebbe davvero importantissimo.

Per domani avremo 21 calciatori a disposizione e tutti potrebbe partire titolari, ma ho ancora 36 ore di tempo per confermare le scelte che ho già in mente.

In difesa abbiamo gli uomini contati e non mi posso permettere rotazioni nonostante i prossimi impegni ravvicinati. Sarà difficile fare le tre partite al 100% perché c’è poco tempo per preparare tutte le partite, ma già da domani voglio fare risultato perché non mi va di fare 5 ore di pullman e tornare a casa con le scatole rotte.

Cercheremo di gestire Lodi come uno dei giocatori della rosa perché in questo momento la priorità è che il Catania faccia risultato.

La prima ora della partita contro la Sicula Leonzio ha azzerato gerarchie e da allora in poi prima di tutti viene il Catania. Su Welbeck aspettiamo conferme da parte dei medici perché al momento non è opportuno rischiarlo.

Su Curiale posso dirvi che io cerco di essere disponibile nei confronti di tutti quelli che mi fanno vedere senso di appartenenza e voglia di fare.

A Davis probabilmente daremo una nuova opportunità mercoledì in Coppa anche se, forse, sarebbe meglio utilizzarlo in trasferta per non esporlo ai fischi che ultimamente sta subendo in casa.

Però, ripeto, chi non mi dimostra attaccamento alla maglia sarà debellato.”

In alto