Politica

M5S. Bianco: diecimila euro di pubblicità per il culto dell’immagine

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Il culto dell’ego del sindaco Enzo Bianco è arrivato ad un limite non più tollerabile. Ormai siamo alla follia.
Con una città in pre-dissesto e con le casse comunali depredate fino all’ultimo centesimo, la sua ultima trovata di stanziare 10mila euro più Iva per “veicolare e pubblicizzare, sull’intero territorio nazionale, l’immagine della Città di Catania” in una pagina del Corriere della Sera è, a dir poco, scandalosa.
Nella  delibera, firmata dal nuovo capo gabinetto del sindaco Giuseppe Spampinato, l’offerta del quotidiano nazionale viene considerata “particolarmente vantaggiosa in relazione alle normali tariffe di mercato” e, addirittura, si precisa che la mancata accettazione “comporterebbe un danno d’immagine certo e grave all’ente derivante dalla mancata promozione del territorio comunale”. Quale territorio vuole propagandare il sindaco Bianco? Quello finto, che esiste solo nella sua immaginazione e nei suoi farneticanti comunicati stampa, o quello reale di una città che è al limite della sopravvivenza?
Quei 10mila e passa euro non rilanciano Catania, ma servono solo a gettare un po’ di polvere sugli occhi, dopo le batoste della Corte dei conti (che ha rilevato imprecisioni e mancanze nelle carte contabili del Comune, dando adito a fondate ipotesi di dissesto) per bluffare sulla vera condizione della città e sono un insulto per tutti i cittadini.

 

 

Movimento 5 Stelle Catania

In alto