Eventi

Madonna della Sciara di Mompileri. Pellegrinaggio Giubilare lunedì 30 maggio

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Attesa e grande emozione tra la comunità religiosa di Mascalucia per il pellegrinaggio Mariano Giubilare al santuario della Madonna della Sciara di Mompileri, in programma lunedì 30 maggio alle ore 17. I cammini di preghiera dei fedeli dell’Arcidiocesi partiranno da tre punti diversi, secondo la zona di provenienza, seguendo la croce con il simbolo del Giubileo e i coordinatori dei cammini: “Città”, partenza dal Pime di Massannunziata; “Circum”, dal santuario Madonna della Roccia di Belpasso; “Bosco”, dalla chiesa Madre di Nicolosi. La comunità di Maletto si unirà al pellegrinaggio di Nicolosi per riportare la statua della Madonna della Sciara pellegrina al termine della visita dei giorni precedenti. Lungo il cammino si mediteranno i misteri del Santo Rosario secondo il testo fornito dal cerimoniere arcivescovile.
A presiedere il cammino da Nicolosi mons. Salvatore Gristina, arcivescovo metropolita di Catania che nei giorni scorsi ha indirizzato una lettera ai fedeli della comunità del santuario Madonna di Mompileri che esprime lo spirito del pellegrinaggio. «In quest’anno giubilare, Anno santo della Misericordia – scrive mons. Gristina – l’esperienza della nostra chiesa che si fa pellegrina costituisce una grazia speciale che tutti vogliamo accogliere e valorizzare. Ai piedi di Maria porteremo le lacrime e le gioie, le speranze e le preghiere dell’intera diocesi».
Un momento di preghiera, dunque, e di intesa spiritualità che padre Alfio Privitera, rettore pro-tempore del santuario di Mompileri, descrive con intensità. «Uno spettacolo di fede e di devozione ma anche di fraternità. C’è la voglia di non chiudersi ma di stare insieme agli altri, pregare e trovare le vie dell’incontro. Il pellegrinaggio diocesano è l’evento che vede più partecipazione del popolo della diocesi che si unisce con il vescovo e i suoi sacerdoti. Quest’anno il pellegrinaggio diocesano si inquadra nell’anno Giubilare della Misericordia, papa Francesco desidera che ad ogni uomo arrivi l’annuncio di un Dio che ama teneramente, che ti vuole vedere felice e salvato».
Il santuario predisporrà oltre 2000 sedie, oltre che alla grande scalea, saranno disponibili panchine e altro, per più di 2600 posti a sedere. Poiché si attende un afflusso di fedeli maggiore rispetto ai posti disponibili verrà predisposta anche un’area dove potranno prendere posto coloro che dispongono di sedie pieghevoli portate da casa.
Grande spiegamento di forze da parte del comunità, almeno 150 i volontari dal Santuario che si uniscono al gruppo volontari della Protezione civile di Mascalucia, della Misericordia, della Croce Rossa e dell’Associazione Carabinieri. Determinante il coordinamento del Comune di Mascalucia. A garantire sicurezza e ordine il coordinamento della Polizia municipale, supportata dalle forze dell’Ordine. «Un momento importante non solo per la nostra comunità – sottolinea il sindaco di Mascalucia, Giovanni Leonardi – ma per tutta la diocesi di Catania. Registreremo circa 5000 presenze e con tanto impegno collaboriamo col santuario di Mompileri per un evento così bello per la nostra città».
Circolazione auto e parcheggi. Fino alle ore 17 si potrà accedere fino all’area del santuario da tutte e tre le strade che vi conducono (Belpasso, Nicolosi, Mascalucia), poi solo da Belpasso. I pullman verranno disposti nelle tre grandi aree di sosta interna adiacenti al Santuario. Le aree di sosta interne del Santuario saranno disponibili per ammalati e sacerdoti fino ad esaurimento.  Oltre alle vie circostanti si segnala una grande area di sosta con accesso dal retro dell’area sacra (lato Nicolosi) da lì si raggiunge a piedi la spianata lungo l’antico tracciato della “regia trazzera” (oggi via Crucis del santuario, 200 metri).

 

In alto