Cronaca

Massacra di botte la compagna e la sbatte fuori di casa. Arrestato

tracce ematiche sul divano

tracce ematiche sul divano

Caltagirone. Una 29enne originaria di Como si è presentata nelle prime ore del mattino presso il pronto soccorso dell’ospedale di Caltagirone con vistosi ematomi al volto e copiose perdite di sangue dal naso. La donna, visitata inizialmente al pronto soccorso,è risultata affetta da “trauma cranico e facciale con frattura del setto nasale e della parete mediale del seno mascellare destro, con emoseno ed escoriazioni addominali nonché lesioni all’orecchio destro” (prognosi di 40 giorni s.c.). I medici hanno cosi disposto il ricovero della 29enne e allertato i carabinieri: in evidente stato di shock la donna ha detto di essere di trovarsi in vacanza nel calatino ed ospite presso alcuni amici di cui non ricordava l’indirizzo di casa. Aggiungeva di essersi procurata le lesioni cadendo rovinosamente a terra e di essere stata soccorsa in strada da uno sconosciuto  che l’aveva accompagnata in Ospedale.

Una versione che non ha convinto i militari che hanno subito avviato le indagini risalendo alla persona che la ospitava, il 33enne Furnari Alessandro di Caltagirone. L’uomo, sollecitato dai carabinieri,  dichiarava di aver ospitato l’amica sin dal 28 dicembre scorso e che, la stessa,  durante la notte era andata da sola in ospedale dopo essersi procurata delle ferite al volto rovinando accidentalmente sul pavimento di casa. La conseguente perquisizione dell’appartamento evidenziava sul pavimento, sul muro della cucina nonché sul divano, la presenza di diffuse macchie ematiche. I successivi rilievi sui residui ematici e l’escussione di alcuni testimoni, compresa la vittima, evidenziavano chiare prove a carico del Furnari  che, durante la notte, al culmine di una lite, legata al loro rapporto sentimentale, cominciata in un locale pubblico e proseguita  in casa,  aveva ripetutamente colpito la poveretta al volto con pugni e schiaffi scaraventandola in seguito fuori dall’appartamento e lanciandole in strada tutti gli effetti personali. Di concerto con il pubblico ministero di turno si è provveduto a porre l’uomo in stato di fermo quale indiziato di delitto per il reato di lesioni personali gravissime. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Caltagirone.

PER RESTARE AGGIORNATI SULLE NOTIZIE SI PUÒ SEGUIRE LA GAZZETTA CATANESE.IT ANCHE SU FACEBOOK, CLICCANDO QUI.

Furnari_Alessandro

tracce ematiche in una parete

tracce ematiche in una parete

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto