Meteo

Meteo Sicilia: impulso d’aria fredda ad inizio settimana. Torna la neve sui Nebrodi

Tra fine novembre e i primi giorni di dicembre, il bacino centrale del Mediterraneo sperimenterà un vero e proprio anticipo d’inverno. Con l’anticiclone delle Azzorre esteso lungo i meridiani dall’Atlantico all’Islanda, diversi nuclei d’aria fredda investiranno l’Europa centrale e la nostra Penisola, apportando un deciso calo delle temperature, condizioni di spiccata instabilità e nevicate alle medie e basse quote delle Alpi e dell’Appennino.

La prima fase dai connotati invernali si paleserà in Sicilia nelle prossime 48 ore, con l’ingresso dei venti di Maestrale. Tra la serata odierna e l’alba di martedì 28, nubi e rovesci interesseranno le isole Eolie e i settori tirrenici delle province di Trapani, Palermo e Messina. Le temperature si abbasseranno dai quattro agli otto gradi, tanto da favorire il ritorno della neve sui Nebrodi e sulle Madonie, generalmente a partire dai 1100/1200 metri: oltre che a Piano Battaglia e Monte Soro, i primi fiocchi stagionali faranno capolino a Floresta e, nella fase culminante dell’irruzione d’aria fredda, anche a Cesarò, San Teodoro e Santa Domenica Vittoria.

Inizio di settimana freddo e spiccatamente variabile alle pendici dell’Etna, con nuvolosità più compatta sui versanti ovest, nordovest, nord e nordest del vulcano. Per cause prettamente orografiche, le condizioni si mostreranno più asciutte e soleggiate lungo la fascia ionica e sulla Sicilia centro-meridionale.

Valori e scarti del geopotenziale a 500 hPa attesi nel prossimo weekend dal modello probabilistico EPS. La colorazione blu e viola evidenzia anomalie marcatamente negative, come nel caso del bacino centrale del Mediterraneo; i colori caldi, invece, settori nei quali si prevede una spiccata ingerenza anticiclonica: è il caso dell’Atlantico e degli estremi settori nordorientali europei.

Il prosieguo settimanale sarà contraddistinto da una notevole dinamicità dell’evoluzione a scala sinottica, in un contesto termico altalenante. La saccatura fredda scivolerà rapidamente in direzione dei Balcani nella giornata di martedì, favorendo un generale miglioramento del tempo nei settori settentrionali della regione; i cieli stellati, associati ad una progressiva attenuazione della ventilazione, favoriranno un deciso calo delle temperature minime, perlopiù comprese tra i 9 i 12°C lungo le coste, tra i 5 e i 9°C alle quote pianeggianti, tra i 2 e i 5°C in collina e prossime allo zero in bassa montagna. 

Tra mercoledì 29 e giovedì 30, la Sicilia verrà interessata da un breve, ma sensibile, richiamo prefrontale di aria mite dai quadranti meridionali. Una fase interlocutoria, preludio di una nuova ondulazione della corrente a getto. Il primo weekend di dicembre risentirà, probabilmente, di una ciclogenesi a carattere freddo sul bacino centrale del Mediterraneo, alimentata dall’afflusso di correnti di lontana origine artica. Una dinamica complessa che tratteremo nel dettaglio nel prossimo aggiornamento.

 

 

In alto