Meteo

Sicilia, solleone fino all’11 agosto. Temperatura percepita: un parametro poco scientifico che genera confusione

La quinta ondata di calore dell’estate 2017 presenta connotati di eccezionalità per estensione, intensità e durata. Il promontorio subtropicale, infatti, si espande per oltre 3000 km dal deserto del Sahara all’Europa nord-orientale, con i massimi termici e di geopotenziale sulle regioni centro-settentrionali italiane e sui Balcani. Tra il 3 e il 4 agosto, le temperature hanno superato i record storici assoluti a Bologna con 40°C, a Ferrara, Perugia e Pescara con 41°C e, soprattutto, a Forlì e Frosinone con 43°C. Nuovi record mensili per le stazioni aeroportuali di Milano Malpensa (38°C) e di Ancona Falconara (40°C). Le prime stime sulle temperature medie a livello nazionale, inoltre, evidenziano come il 4 agosto 2017 rientri tra le tre giornate più calde dell’ultimo secolo.

E’ opportuno sottolineare come le temperature sopra riportate siano state registrate da stazioni meteorologiche professionali, dotate di una strumentazione appositamente protetta dalla radiazione solare da una capannina in legno o da uno schermo a piatti. Il rilevamento deve avvenire in spazi aperti e ad almeno due metri di altezza da un suolo preferibilmente erboso. Le norme WMO sono necessarie per disporre di dati quantopiù omogenei a scala mondiale e pertanto confrontabili nello spazio e nel tempo, senza interpretazioni e col minimo margine d’errore. In quest’ottica non possono essere considerati attendibili i dati termici registrati dalle autovetture (a pochi centimetri dall’asfalto rovente) e dai sensori non schermati delle famacie: in determinate condizioni, le sovrastime possono superare persino i dieci gradi.

A sinistra una stazione meteo protetta da capannina in legno, a destra una moderna centralina di rilevamento dotata di schermo solare a piatti.

Un ulteriore elemento ricorrente nella cronaca è rappresentato dalle “temperature percepite”, vero e proprio tormentone dell’estate. Si tratta di un parametro derivato – ottenuto da una relazione matematica che tiene in considerazione le temperature effettivamente rilevate e i tassi di umidità relativa – sviluppato dal dottor Robert Steadman al fine di stimare l’indice di disagio corporeo. L’intepretazione errata del concetto alimenta, oggi, la corsa al sensazionalismo mediatico e genera confusione tra la popolazione.

E’ fuori dubbio che il corpo umano, in condizioni di alta temperatura, tenda a percepire maggiore disagio fisico con l’incremento dei tassi di umidità. Ma sulla base di quale criterio scientifico e oggettivo è possibile affermare che a Catania la popolazione percepisca esattamente 50°C benché – termometri alla mano – ve ne siano dieci in meno? La percezione del caldo e del freddo è uguale per ogni individuo? E’ possibile trascurare lo stato psicofisico, la statura, il peso, il sesso e l’età? E ancora, l’incidenza dei raggi solari, la copertura nuvolosa e il vento? Le “temperature percepite”, di fatto, non esistono, quantomeno non nell’accezione propinata quotidianamente dai mass-media.

LA TENDENZA METEO PER I PROSSIMI GIORNI IN SICILIA

Come da attese della vigilia, l’attuale ondata di calore non ha comportato picchi termici estremi sulla nostra isola. Le temperature, seppur ovunque piuttosto elevate e diffusamente comprese tra i 35 e i 40°C (fino a 43°C nella Piana di Catania), si sono mantenute distanti dai record storici, propri delle estati 1982, 1998, 1999 e 2007. Ad assumere connotati di particolare rilevanza è la lunga durata dell’avvezione sahariana: il caldo intenso, infatti, si protrarrà senza soluzione di continuità per tutta la prima decade di agosto. La persistenza del solleone determinerà crescenti condizioni di disagio per la popolazione, città sempre più calde anche nelle ore notturne per un notevole accumulo di calore, un ulteriore aggravio dell’aridità dei terreni e temperature delle acque marine ai massimi stagionali. Per il sospirato ritorno alla normalità climatica occorrerà attendere, con ogni probabilità, la giornata di venerdì 11 agosto

In alto