Meteo

Meteo Sicilia: dopo un weekend senza eccessi, giugno si concluderà all’insegna del caldo intenso

 

Sotto l’egida del promontorio subtropicale, il caldo intenso continua ad interessare senza soluzione di continuità l’Europa centro-occidentale e le regioni settentrionali italiane. Una dinamica che per intensità e persistenza assume connotati di assoluta eccezionalità. Quest’oggi, all’apice dell’avvezione di calore, la colonnina di mercurio ha varcato la soglia dei 38°C a Torino, a pochi decimi dai record assoluti degli ultimi 250 anni. L’anomalia termica, alla quale si associa un marcato e generale deficit pluviometrico, appare particolarmente rilevante anche in Spagna, Francia e Regno Unito: negli ultimi dieci giorni, Cordoba ha varcato la soglia dei 44°C, Parigi ha registrato una massima di ben 37°C e l’aeroporto di Londra ha raggiunto i 34°C

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Le anomalie termiche registrate negli ultimi 7 giorni in Europa. La scala cromatica evidenzia nelle gradazioni di rosso gli scarti superiori alle medie e in blu, invece, le aree soggette a temperature più fresche della norma. Caldo di proporzioni eccezionali sui settori occidentali del continente europeo, fresco sul nord della Scandinavia, nelle Repubbliche Baltiche e in Russia. Sicilia in un settore di transizione, senza scostamenti significativi. La media di riferimento è quella del trentennio 1981-2010. Da weatherbell.com.

In questo contesto, la Sicilia permarrà — ancora per poche ore — ai margini del caldo intenso. Nel corso del weekend le condizioni meteorologiche siciliane continueranno a mantenersi ampiamente soleggiate e all’insegna di temperature tipicamente estive, ma senza eccessi di sorta. Attesi cieli ovunque sereni o poco nuvolosi, se si eccettua locale nuvolosità cumuliforme nelle ore centrali della giornata a ridosso dei rilievi. Le temperature massime si attesteranno diffusamente tra i 28 e i 33°C, con picchi più rilevanti nelle pianure interne. Venti in prevalenza deboli di direzione variabile nell’entroterra ed a regime di brezza lungo le coste. Mari tutti poco mossi, con temperatura delle acque superficiali quasi ovunque prossima o superiore ai 25°C.

Una situazione destinata a cambiare drasticamente nel corso della prossima settimana. A partire da lunedì 26 giugno, l’asse del promontorio subtropicale traslerà verso oriente; i massimi di geopotenziale, attualmente sul Mediterraneo occidentale, si disporranno tra l’Algeria, la Tunisia e le regioni meridionali italiane. L’evoluzione meteorologica favorirà una tregua dal caldo intenso sull’Europa centro-occidentale, raggiunta da una saccatura atlantica, mentre il solleone farà capolino al Sud e sui Balcani.

L’evoluzione meteorologica a scala europea attesa tra il 28 e il 29 giugno. Saccatura colma d’aria fresca di derivazione atlantica tra il Regno Unito, la Penisola Iberica e la Francia. Intensa avvezione d’aria calda al Centro-Sud e sui Balcani. Elaborazione d’ensemble (GEFS).

L’ingresso delle correnti nord-africane favorirà un deciso aumento delle temperature, con apice tra mercoledì 28 e venerdì 30. In Sicilia le massime si attesteranno diffusamente tra i 32 e i 37°C e per la prima volta stagionale i termometri varcheranno la soglia dei 40/42°C nella torrida Piana di Catania; lungo le coste, a fronte di picchi termici meno elevati, la percezione di disagio corporeo verrà acuita dagli elevati tassi di umidità relativa. Con le masse d’aria calda dal Sahara giungeranno, inoltre, quantitativi crescenti di polveri desertiche, con cieli a tratti lattiginosi. Oltre al caldo, il rischio concreto è che possano tornare alla ribalta delle cronache anche gli incendi.

Andrea Bonina | MeteoEtna.com

 

In alto