Politica

Misterbianco. Consegnati stamani ad una cooperativa sociale i terreni sequestrati alla mafia

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Consegnati stamani quattro beni immobili alla cooperativa sociale “Energ-etica” confiscati negli anni scorsi al potere mafioso. Una cerimonia semplice svoltasi prima in sala Giunta del comune con la consegna simbolica della chiave da parte del sindaco Nino Di Guardo al presidente della cooperativa Claudia Cardillo e la sottoscrizione della concessione a titolo gratuito per i prossimi dieci anni alla presenza del vice prefetto dott. Domenico Fichera, del comandante della tenenza dei carabinieri Pasquale Cuzzola del comandante della Polizia Municipale Antonino Di Stefano, del coordinatore provinciale di Libera Giuseppe Strazzulla, del socilogo Salvo Cacciola e degli assessori Marco Corsaro, Federico Lupo e Santo Mancuso con il presidente del Consiglio Comunale Antonino Marchese.
“Una giornata storica per il nostro comune – hanno affermato il sindaco Nino Di Guardo e l’assessore ai Servizi sociali Marco Corsaro – perché lo Stato si appropria di beni mafiosi per utilizzarli a fini sociali. Per questo abbiamo voluto chiamare i terreni in contrada Vazzano le “Colline della legalità:”
In questi terreni, dove si trovano anche due fabbricati, saranno svolti percorsi di orticoltura sociale rivolti a soggetti con disabilità, un laboratorio di pet therapy sempre per soggetti con disabilità, un orto didattico ed una biofattoria sociale, dei percorsi di alternanza scuola-lavoro ed attività rivolte ad ex detenuti.
Subito dopo la firma l’assessore Corsaro ha accompagnato i responsabili della cooperativa sociale in contrada Vazzano, per prendere possesso dei terreni dove il parroco Giovanni Condorelli ha proceduto alla benedizione della nuova attività sociale a favore dei più deboli.
I terreni sono quattro in tutto per un totale di 12.300 metri quadri con annessi due fabbricati rurali di 20 e 59 metri quadri.

In alto