Cultura

“Municipio aperto” a Catania: domani secondo appuntamento con visita e concerto

Si prevede, come la scorsa settimana, un considerevole afflusso di visitatori. Oltre alle visite con gli esperti dell’Associazione guide turistiche Catania c’è grande attesa per il concerto del Trio “55 Strings”, formato da Maria Luisa Sacco (arpa), Marianna Musumeci (violino), Valentina Scuto (violoncello) e con la partecipazione del soprano Carla Basile

Domani secondo appuntamento di gennaio con “Municipio aperto”, iniziativa che offre musica di qualità nel Salone Bellini e la possibilità di apprendere dalle guide professioniste tutti i segreti del Palazzo degli elefanti e delle opere d’arte che ospita. La scorsa settimana, così come il 6 dicembre del 2015, visitarono il palazzo comunale oltre cinquemila persone. Per volere del sindaco, fino a Sant’Agata, la città sarà in festa e il Municipio, che è la casa dei Catanesi, sarà aperto alle visite e offrirà musica di qualità.
Anche domani il Palazzo degli elefanti rimarrà aperto dalle 9 alle 13. A partire dalle 10, grazie all’accordo tra l’Assessorato alla Cultura e l’Associazione guide turistiche Catania presieduta da Giusy Belfiore, cominceranno i tour a condurre gruppi di cittadini alla scoperta dei segreti delle opere d’arte custodite nel Palazzo degli elefanti.
Alle 11 sarà il momento del concerto del Trio “55 Strings”, formato da Maria Luisa Sacco (arpa), Marianna Musumeci (violino), Valentina Scuto (violoncello), con la partecipazione del soprano Carla Basile. Il programma comprende i seguenti brani: “Pie Jesu” di Andrew Lloyd Webber, “Barcarolle” dall’opera “I racconti di Hoffmann” di Jacques Offenbach, “Czardas” di Vittorio Monti, “Ave Maria”, di Giulio Caccini, “La Vergine degli Angeli” dall’opera “La forza del destino” di Giuseppe Verdi, “Intermezzo sinfonico” dalla “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni, “Mattinata siciliana” con musica di Gaetano Emanuel-Calì e versi di Giovanni Formisano, “Il tema di Lara” dal film “Il dottor Zivago”, musica di Maurice Jarre, “O mio babbino caro” dall’opera “Gianni Schicchi” di Giacomo Puccini, “Casta diva” dalla “Norma” di Vincenzo Bellini.

55 STRINGS

In alto