Archivio

Nicolosi: tanti i consensi di sindaci e parlamentari del catanese per il documento di Etnalibera che chiede il superamento dei divieti all’escursionismo nell’area sommitale dell’Etna.

etnalibera_manifestazione_10_07_2015

A cura di Ornella Fichera

Quella di venerdì 10 luglio, a Nicolosi, è stata una bella serata in cui la protagonista assoluta è stata la “montagna”: il Comitato Etnalibera ha illustrato le proposte, contenute in un documento-petizione, che suggeriscono al legislatore nuove norme per la fruizione dell’area sommitale dell’Etna e delle eruzioni, chiusa al libero escursionismo da un regolamento di Protezione Civile. Almeno in duecento hanno partecipato alla serata e tanti gli endorsement di peso.
Nel documento-petizione redatto si chiede di superare le attuali “Procedure di allertamento rischio vulcanico e modalità di fruizione per la zona sommitale del vulcano Etna”: attualmente la fruizione è possibile solo avvalendosi delle guide autorizzate, ma le continue ordinanze prefettizie, emesse anche per fenomeni vulcanici di scarsa importanza, rendono inaccessibili pure a queste i luoghi più significativi del vulcano.
Nel corso della serata sono intervenuti, di presenza o mediante un messaggio, diverse personalità: il sindaco di Nicolosi, Nino Borzì, ha espresso tramite un videomessaggio la sua adesione alle proposte di Etnalibera. Sono intervenuti personalmente i primi cittadini di Randazzo (Michele Mangione), Piedimonte Etneo (Ignazio Puglisi) e Ragalna (Salvo Chisari).
Il deputato regionale Concetta Raia ha illustrato l’interrogazione presentata all’ARS che accoglie le proposte di Etnalibera, soprattutto nella parte che chiede la restituzione delle prerogative di fruizione al Parco dell’Etna.
Il Presidente del Parco dell’Etna, Marisa Mazzaglia, ha espresso la disponibilità dell’ente ad occuparsi della fruizione, anche se – ha aggiunto – devono essere chiariti alcuni aspetti per poterla gestire al meglio.
Hanno dato un contributo alla discussione, dichiarandosi sostenitori della petizione, anche il giornalista Rai Giovanni Tomarchio, autore delle immagini dell’Etna più significative degli ultimi anni; Enzo Agliata, che ha letto un messaggio di Alessandro Gogna, alpinista di fama internazionale; Paolo Maniscalco, già Assessore alla Protezione Civile del Comune di Catania; Carmelo Ferlito, docente di Vulcanologia all’Università di Catania e guida alpina e vulcanologica.
Gli intervenuti hanno assistito alla proiezione dei cortometraggi “Emozioni dal vulcano” di Antonio De Luca e “Iddu” di Klaus Dorschfeldt, nonché il video “Etna Libera” realizzato da Giuseppe Distefano (Etna Walk).

I portavoce di Etnalibera, Sergio Mangiameli e Giuseppe Riggio, al termine della serata hanno dichiarato: «Siamo particolarmente soddisfatti per il consenso che abbiamo raccolto attorno alle proposte del Comitato. Abbiamo incassato importanti sostegni, segno della volontà diffusa di giungere ad una nuova regolamentazione per l’accesso in area sommitale. Accogliamo con favore le parole del Presidente del Parco dell’Etna, Marisa Mazzaglia, intenzionato a convocare un tavolo tecnico-politico. Seguiremo l’iter e faremo da stimolo nei confronti degli attori a cui spetta il compito di disegnare le nuove norme affinché, nel nome della nostra montagna, si metta fine a questi inappropriati divieti».

Nel corso della serata sono state raccolte le firme a sostegno del documento del comitato, che potrà essere firmato in altri luoghi, che presto verranno comunicati da Etnalibera, o mediante la petizione online.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

 

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto