Cultura

“Nuove generazioni. I volti giovani dell’Italia multietnica”

Chiude i battenti oggi con più di 1000 visitatori la mostra multimediale

Filmati, foto e pannelli per conoscere e capire che la diversità

non va cambiata ma accettata come un valore

Si chiude oggi, lunedì 4 marzo, la mostra multimediale “Nuove generazioni. I volti giovani dell’Italia multietnica” al Dipartimento Scienze Umanistiche dell’Università di Catania (Monastero dei Benedettini, Piazza Dante 32). Più di 1000 visitatori, di cui il 20% stranieri, hanno affollato in questi giorni i corridoi del Monastero per conoscere i volti e le storie dell’Italia multietnica, su cui pesa l’inflazione di parole e la pochezza delle conoscenze. Sono più di un milione e mezzo i ragazzi figli di migranti che vivono in Italia, la loro presenza è più forte di ogni dibattito politico.

«Io credo che l’integrazione sia naturalmente collegata all’essere umano – ha commentato Luna, giovane studentessa di Giurisprudenza a Milano, proveniente dal Marocco- Si tratta di un incontro: tutto ciò che fonda il nostro essere umani, il nostro essere persone, se ci pensiamo, è connesso a qualcun altro». Luna insieme ad altri studenti, giunti in Italia come migranti, hanno guidato i visitatori raccontando il loro vissuto e la costruzione di un’identità arricchita, perchè fondata su molteplici radici culturali.

Sono loro i nuovi italiani e i veri protagonisti della mostra multimediale, presentata per la prima volta al Meeting di Rimini, e sostenuta dal progetto “Welcoming People: promuovere la cultura dell’accoglienza”, finanziato dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (avviso n.1/2017).

La mostra, curata dal giornalista-scrittore Giorgio Paolucci, a Catania è stata arricchita da numerose storie locali ed è stata frutto della collaborazione di diverse fondazioni e associazioni: Avsi, Diesse, Comunità di Sant’Egidio, Officine Culturali, Associazione Cappuccini Onlus, Associazione Insieme onlus, Associazione Don Bosco 2000, Fondazione Domenico Sanfilippo editore.

In alto