Cronaca

Operazione IBLIS, pioggia di condanne a Catania e provincia

Ieri notte, i Carabinieri del Nucleo Investigativo e Raggruppamento Operativo Speciale di Catania tra Catania, Gravina di Catania (CT), Ramacca (CT), Tremestieri Etneo (CT), Palagonia (CT), Acireale (CT), Aci Bonaccorsi (CT) e Misterbianco (CT), hanno eseguito degli ordini di carcerazione emessi dalla  Procura Generale Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania per associazione a delinquere di tipo mafioso, omicidio, estorsione, distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere, trasferimento fraudolento di valori, provvedimenti urgenti in tema di lotta alla criminalità organizzata-aggravante relativa all’agevolazione dell’associazione di tipo mafioso.

I soggetti, già arrestati nel novembre 2010 durante l’operazione “IBLIS”, appartenenti all’organizzazione mafiosa denominata “Cosa Nostra”destinatari del provvedimento hanno riportato le condanne a fianco di ciascuno di essi indicate:

  1. AIELLO Alfio Maria, classe 1959, già ai domiciliari, 8 anni e 8 mesi di reclusione;
  2. BARBAGALLO Giovanni, classe 1949, già ai domiciliari, 6 mesi di reclusione;
  3. CAMMARATA Bernardo, classe 1972, già ai domiciliari, 8 anni e 8 mesi di reclusione;
  4. ILARDI Francesco, classe 1967, già ai domiciliari, 11 mesi di reclusione;
  5. LO VOTRICO Graziano Massimiliano, classe 1974, 3 anni e 9 mesi di reclusione;
  6. SORBERA Antonino, classe 1964, 5 anni e 2 mesidi reclusione;
  7. SANGIORGI Antonino, classe 1963, 4 anni e 2 mesi di reclusione;
  8. OIENI Liborio, classe 1950, 3 anni e 11 mesi di reclusione;
  9. MARSIGLIONE Girolamo Gabriele, classe 1986, 3 anni e 9 mesi di reclusione;
  10. INCARBONE Mariano Cono, classe 1960, 4 anni e 11 mesi di reclusione.

 

Tutti gli arrestati sono stati associati nel carcere di Bicocca a Catania eccetto l’INCARBONE che è stato associato nel carcere di Augusta (SR).

 

In alto