Archivio

Ospite a Catania l’ambasciatore italiano in Tanzania

visita_ambasciatore_tanzaniaCatania. Ieri a palazzo degli Elefanti, l’assessore Licandro ha ricevuto l’ambasciatore italiano in Tanzanìa Scotto. Tra i temi discussi vi è stato quello della musica come veicolo di solidarietà per ristrutturare e costruire nuove scuole in Tanzania.

All’incontro l’ambasciatore Scotto ha sottolineato il valore della cooperazione decentrata, uno strumento importante per il miglioramento della qualità di vita dei Paesi con meno risorse, dichiarando: “Vengo volentieri a Catania, dove ho molti amici. Ho incontrato varie volte anche il sindaco Bianco a Philadelfia nel corso di un mio precedente incarico, e conosco quindi quanto sia generosa questa terra e i suoi abitanti. L’idea è nata da una conversazione con il vulcanico attore catanese Gilberto Idonea che crede nel coinvolgimento delle giovani generazioni e della musica come strumento di solidarietà, senza alcun passaporto, per poter avviare progetti solidali in una missione, quella di Migoli, gestita dal missionario catanese Salvatore Ricceri.

Licandro ha dichiarato: “Siamo contenti che si sia pensato a questa città anche grazie all’amico Idonea. La grande generosità dimostrata nell’accoglienza dei migranti, ne fa campo ideale per la realizzazione di questo tipo di progetti, in cui sarà fortemente coinvolto, insieme all’assessorato alla Scuola, anche l’istituto musicale di Studi Superiori Vincenzo Bellini, una delle eccellenze del territorio. Troveremo gli spazi dove i ragazzi e i loro testimonial potranno esibirsi. Questo pezzo di Sud non si sottrae alla solidarietà. Il ricavato dell’iniziativa sarà consegnato all’ ambasciata Italiana che li destinerà in particolare a lavori nella scuola superiore Julius Nyerere di Migòli (1200 studenti), alla scuola di Idodi che, tra il 2012 ed il 2014, ha subito due incendi e alla costruzione di aule nel villaggio Mapogoro i cui bambini sono costretti a raggiungere la scuola più vicini facendo circa 10 km a piedi con tutti i rischi e le difficoltà che questo comporta”.

Cettina La Fata

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto