Sport

Paganese-Catania rinviata: vince la pioggia e così i rossazzurri non scendono in campo

Allo stadio “Marcello Torre” di Pagani si sarebbe dovuta disputare la prima giornata di ritorno del girone C di Serie C tra il Catania di mister Raffaele e la formazione locale, ma il terreno di gioco, reso del tutto impraticabile per la forte pioggia caduta sulla città campana, ha costretto l’arbitro a rinviare ufficialmente la gara dopo tre sopralluoghi effettuati sul terreno che hanno evidenziato la mancanza di rimbalzo della sfera soprattutto in determinato zone del campo.

Domenica di stop, quindi, per il Catania che vede interrompersi il proprio percorso in campionato e che vedrà l’inserimento di questo recupero in una data ancora da definire ma che, certamente, andrà ad appesantire il calendario dei rossazzurri.

Curioso come anche la scorsa stagione Paganese-Catania fu rinviata a causa delle condizioni climatiche avverse (era il 3 Novembre 2019) e quando la gara fu recuperata (l’11 Dicembre 2019) furono i campani ad imporsi con il risultato di 3-1. Si tratta di statistiche relative allo scorso campionat, ma sembrano passati decenni perché quello era ancora il Catania di Lo Monaco, con Lucarelli in panchina e con i vari Rizzo, Mazzarani e Di Molfetta in campo e, soprattutto, prima che il COVID19 si impadronisse delle nostre giornate.

Adesso, invece, il COVID, ahinoi, è ancora presente, ma in casa Catania è cambiato tutto: la società proprio ieri ha visto la firma sul preliminare di accordo tra la SIGI (attuale proprietà del Calcio Catania) e Joe Tacopina, avvocato americano che guiderà un gruppo di investitori che proveranno a rilanciare le sorti del club di Via Magenta. Un passo storico che potrebbe segnare la rinascita della matricola 11700, dopo che la stessa appena 6 mesi fa ha rischiato di scomparire definitivamente. E poi c’è anche la squadra che è stata fortemente rivoluzionata rispetto allo scorso anno, con la guida tecnica affidata a mister Raffaele che sta ben figurando in campionato, occupando attualmente il quarto posto in classifica. Organico che potrebbe subire qualche altra modifica in questa ultima settimana di calciomercato (la sessione si chiuderà lunedì 1 Febbraio) con il possibile ritorno in rossazzurro di Matteo Di Piazza (presente nella sconfitta di Pagani di cui sopra) e l’eventuale arrivo di Franco Zuculini, centrocampista argentino tanto caro al futuro presidente Tacopina (Zuculini ha giocato con Bologna e Venezia sotto la gestione Tacopina).

Tutto ciò, in attesa di rivedere i rossazurri in campo, ovvero domenica prossima quando allo stadio Angelo Massimino arriverà il Monopoli di Beppe Scienza, formazione che naviga nella zona centrale della classifica e che proverà a dar fastidio ai ragazzi di mister Raffaele. Chissà se per domenica prossima tornare disponibile Emanuele Pecorino, attaccante rossazzurro assente oggi per infortunio, ma al centro di una trattativa di mercato che potrebbe portarlo alla Juventus (la società bianconera ha offerto poco più di 300mila euro per il numero 31 rossazzurro)

Nonostante il maltempo di Pagani, però, c’è la sensazione che il vento sia cambiato in casa Catania e si guarda al futuro con rinnovata positività e gran entusiasmo. Perché, come diciamo dalle nostre parti, noi rossazzurri “cascamusempriadditta comu e iatti”!!

In alto