Politica

Pagano: “Wind Jet fu fatta fallire? Continuità territoriale non più procrastinabile”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

“Il contenzioso giudiziario tra Alitalia-Cai e Wind Jet deve arrivare presto a conclusione per sapere se sono fondate, come personalmente ritengo, o meno le ragioni alla base della richiesta di risarcimento della compagnia low cost catanese, che ha smesso di volare nel 2012. Alitalia fece di tutto per far saltare Wind Jet, per affossare un competitor sulle tratte per e dalla Sicilia. Anche a causa di un minor tasso di competitività tariffaria tra le compagnie,oggi per andare a Palermo o a Catania, o dall’Isola per recarsi a Milano o Bologna, ci vuole quasi quanto per andare a Shanghai o a New York. E sappiamo quanto questo penalizzi fortemente il turismo e il tessuto imprenditoriale. È doveroso quindi individuare le responsabilità su cosa accadde effettivamente in quei mesi”. È quanto dichiara il deputato Alessandro Pagano.
“Altrettanto ritengo che il Governo abbia il dovere di riconoscere pienamente la condizione di insularità della Sicilia e stanziare risorse per la continuità territoriale – prosegue Pagano – così come previsto anche dal Parlamento europeo attraverso una risoluzione approvata a inizio anno. Nella scorsa legge di stabilità vennero stanziati 20 milioni di euro in merito, un palliativo rimasto tra l’altro lettera morta. Il rilancio dell’isola passa anche da questo”. 

On. Alessandro Pagano

In alto