Politica

Parte il “Sostegno inclusione attiva” a Catania-Misterbianco-Motta Sant’Anastasia

IMG_0495

Riceviamo e pubblichiamo integralmente

Dal prossimo 2 settembre, i cittadini residenti nei Comuni del Distretto sociosanitario di Catania-Misterbianco-Motta Sant’Anastasia potranno presentare le domande presso i Caf (Centri di Assistenza fiscale) per accedere alla nuova misura di contrasto alla povertà.

Dal prossimo 2 settembre, per accedere al SIA (Sostegno inclusione attiva), la nuova misura di contrasto alla povertà, i cittadini residenti nei Comuni del Distretto sociosanitario di Catania-Misterbianco-Motta Sant’Anastasia potranno presentare le domande presso i Caf (Centri di Assistenza fiscale) convenzionati col ministero delle Politiche sociali e con l’Inps, appartenenti ai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, e anche delle associazioni Acli, Cna e 50&Più, dove saranno assistiti gratuitamente.
È questo l’esito della riunione operativa che si è svolta nei locali dell’assessorato per l’attivazione del servizio SIA e per le misure di contrasto alla povertà e dei processi di integrazione sociale, tra l’assessore ai Servizi sociali Angelo Villari, il funzionario Carminella Campione e i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Ugl e altri sindacati presenti sul territorio, di Acli, Cna e 50&Più ConfCommercio Catania.
“Il servizio di sostegno all’integrazione attiva previsto dal decreto del mese di luglio – ha detto Villari -, approvato dal governo nazionale per dare risposte concrete alle famiglie in condizione di povertà, rappresenta una occasione troppo importante per contrastare la povertà assoluta che interessa tantissime famiglie catanesi. Si tratta di una misura che non vuole essere un intervento solo di assistenza ma che mira ad attivare progetti  specifici, caso per caso, per avviare per questi cittadini percorsi di integrazione sociale e lavorativa.  Per garantire le informazioni corrette e il massimo di tutela di chi ha diritto a questo intervento l’Amministrazione comunale non poteva non coinvolgere le forze sindacali e sociali presenti nel territorio che, insieme i centri sociali ed alle altre istituzioni coinvolte nel progetto, rappresentano la rete di tutela e di sostegno dei cittadini più bisognosi per garantire i diritti di cittadinanza. Dal 2 settembre i cittadini che ne hanno diritto possono cominciare a presentare le domande. Sono certo che con l’impegno e la collaborazione di tutti, che a Catania rappresenta un valore condiviso, riusciremo a dare quelle risposte necessarie che la nostra comunità si attende”.
“Siamo soddisfatti per l’esito dell’incontro – hanno dichiarato i rappresentanti dei sindacati  -, che testimonia l’avvio di un percorso co-progettato di protezione sociale per le famiglie, come sistema di lotta concreta alla povertà. È un esempio virtuoso di collaborazione che auspichiamo possa essere esteso anche ad altri ambiti di intervento sociale”.
L’assessore Villari, su richiesta delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, ha manifestato piena disponibilità a collaborare con gli altri distretti sociosanitari, per trasferire le buone prassi procedurali, già sperimentate a Catania in occasione della social card, dalla fase di presentazione delle domane a quella della pianificazione dei programmi familiari.
Per ottenere ulteriori informazioni e assistenza, i cittadini possono rivolgersi ai Servizi sociali comunali, alle sedi delle circoscrizioni comunali e alle sedi centrali di Catania dei Caf di Cgil (piazza Dante, 12), Cisl (via Vincenzo Giuffrida, 160), Uil (via Sangiuliano, 365), Acli (corso Sicilia, 111), Cna (piazza dei Martiri, 8), 50&Più (via Mandrà, 8).
Il Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA) è una delle misure nazionali di contrasto alla povertà assoluta che prevede l’integrazione di un sostegno economico (parte passiva sostenuta con fondi nazionali) con servizi di accompagnamento per l’inclusione attiva dei soggetti beneficiari (parte attiva sostenuta da fondi europei).
Per essere ammessi al servizio è necessario che l’Isee (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) del nucleo familiare del cittadino richiedente sia uguale o inferiore a 3.000 euro. Presentata la domanda, sarà l’Inps che accerterà le condizioni economiche e accorderà l’accesso al SIA. In seguito, sarà l’istituto previdenziale a erogare mensilmente la somma di 80 euro per ogni componente della famiglia.
Per ottenere il beneficio economico, è obbligatorio sottoscrivere un Piano familiare che i Servizi sociali comunali, in collaborazione anche con altre istituzioni (Centri per l’impiego, Azienda sanitaria, Ufficio scolastico e ministero della Giustizia), predisporranno per ogni nucleo familiare.

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto