Cronaca

Paternò, nel giardino di un’abitazione nuove bocche eruttive per le “Salinelle”. In azione vigili del fuoco

fango_via_salsoPaternò. Si è intensificata nel pomeriggio di ieri l’attività eruttiva delle Salinelle di Paternò, i vulcanetti di fango che periodicamente danno vita a fenomeni di vulcanesimo secondario. In particolare, nella zona Cappuccini (via Salso per la precisione), poco prima delle 20:00 di ieri si sono formate nuove bocche all’interno del giardino di un’abitazione di via Salso, generando il panico tra i residenti dello stabile e della zona. Il fenomeno, durato circa 30 minuti, ha causato notevoli disagi: per centinaia di metri il fango ha proseguito la sua corsa, causando notevoli danni ai proprietari dell’abitazione in questione. Sul posto sono giunti già ieri sera i vigili del fuoco del distaccamento di Paternò, presenti anche oggi a garantire l’incolumità delle persone e liberare dal fango le abitazioni e le strade. A tal proposito, nel primo pomeriggio è giunta anche un’autobotte comunale per aiutare a spazzare via il fango dalla strada, attualmente inpraticabile.

Le Salinelle a metà dicembre erano state proclamate geosito di interesse mondiale, per la loro valenza geologica e naturalistica, oltre che per il potenziale turistico. Spesso la loro attività anticipa un’eruzione dell’Etna e l’intensificarsi delle eruzioni di fango, coincidenti con l’aumento delle emissioni di gas dalle zone sommitali del vulcano attivo più alto d’Europa potrebbero essere il preludio di una nuova colata lavica.

In alto