Politica

Pensionati CISL, mercoledì si firma per il PUA. Accordi all’orizzonte con ANCI E INPS

esec_fnp_cisl4-4-16

 

Il 6 aprile, convenzione con Comune di Catania e Asp per attivare il Punto di accesso unico all’assistenza

Catania, 4 aprile 2016 – Istituzione del PUA, Punto unico di accesso all’assistenza, la convenzione con l’Anci Sicilia e un accordo con l’Inps sono le novità più rilevanti annunciate oggi nel corso dell’esecutivo provinciale dei Pensionati della Cisl, primo appuntamento dopo la manifestazione di carattere nazionale di sabato 2 aprile per riformare la legge Monti-Fornero. Assieme a Marco Lombardo, segretario generale della Fnp Cisl etnea, erano presenti Alfio Giulio segretario generale della Fnp Cisl Sicilia, e Rosaria Rotolo, segretaria generale della Cisl di Catania.

Mercoledì 6 aprile, sarà firmata la convenzione tra Comune di Catania, Azienda sanitaria e sindacati per attivare il Pua, il Punto unico di accesso ai servizi di assistenza, previsto nel Piano di azione-coesione (Pac) per i servizi alla persona.

«È finalmente uno dei passi che attendevamo – commenta Lombardo – per i quali ci battiamo da tre anni a questa parte, assieme al resto del fronte sindacale. È una precisa richiesta del ministero che il Pua, il sistema che usa l’Asp per somministrare servizi di assistenza sanitaria domiciliare agli anziani, venga esteso ai Comuni. Così, si eviteranno duplicazioni degli interventi e, quindi, anche della spesa sociale e sarà migliorato il servizio reso all’anziano».

A migliorare e ampliare il servizi agli anziani e alle fasce più bisognose, servirà anche il protocollo d’intesa tra Anci Sicilia e sindacato, sul quale si è impegnato lo stesso presidente Leoluca Orlando. «Il 14 aprile – conferma Giulio – ci sarà il primo incontro per arrivare a un accordo che prevede di destinare il 100 per cento di quanto recuperato dalla lotta all’evasione fiscale sui servizi sociali per le fasce più bisognose».

Ma per i pensionati siciliani le novità non si fermano qui. «Stiamo studiando con l’Inps – continua Giulio – la possibilità di istituire dei tavoli comuni di monitoraggio, a scadenza mensile, per tutti i temi che oggi riguardano pensionati e anziani più bisognosi i quali, per interloquire con l’istituto, sono costretti a sottoporsi a code estenuanti agli sportelli. Si tratta di un accordo di livello nazionale, ma che acquista particolare significato per la peculiarità territoriale siciliana con le sue sacche di sofferenza, specie per la larga presenza di pensionati al minimo».

I prossimi appuntamenti di mobilitazione per i sindacati dei pensionati Fnp-Cisl, Spi-Cgil e Uilp-Uil saranno il 7maggio a Palermo, con Cgil-Cisl-Uil, contro l’immobilismo della Regione; il 19 maggio a Roma, in piazza del Popolo, per rivalutazione, fisco, reversibilità, welfare e non autosufficienza.

 

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto