Politica

Pensionati CISL, nasce l’officina progettuale per le politiche sociali

M_Lombardo

 

L’obiettivo è rilevare i problemi e confrontarsi con i Comuni per le risorse ai servizi sociali, alla casa e ad abbassare tasse e tariffe

Nel 2016, accordo con l’Anci Sicilia per destinare le somme dell’evasione fiscale alle politiche sociali

Catania, 22 dicembre 2015 – Tasi, tari, Imu: come ogni anno, pensionati in grandi difficoltà a fine anno per pagare le scadenze di tasse e tariffe comunali. Per il 2016, la Fnp Cisl di Catania risponde con l’iniziativa “Officina progettuale”: appuntamento Comune per Comune per dare la voce ai cittadini più in difficoltà e confrontarsi poi sulle politiche sociali da programmare con le singole amministrazioni comunali.

 

«L’Officina progettuale è come un forum – spiega Marco Lombardo, segretario generale della Fnp Cisl etnea – per registrare dalla viva voce dei cittadini i problemi sui servizi di assistenza, sulla casa, sulle tariffe e sulle tasse locali, con la collaborazione della Cisl etnea e di altre federazioni sindacali, come la Funzione pubblica, il Sicet per gli inquilini e l’associazione di volontariato Anteas».

 

«Le politiche sociali oggi – sottolinea Lombardo – sono quelle più in difficoltà nei bilanci comunali. Il nostro obiettivo è trovare, assieme ai Comuni, le risorse necessarie per chi ha più bisogno, puntando soprattutto sul recupero dell’evasione fiscale».

 

E proprio sull’evasione fiscale, per il 2016, c’è già un accordo con l’Anci siciliana: tutte le risorse recuperate saranno indirizzate sulle politiche sociali dei Comuni. «Nei primi mesi dell’anno prossimo – aggiunge Lombardo – la Cisl e la Fnp, assieme alle altre organizzazioni sindacali di Cgil e Uil, firmeremo un accordo in tal senso con l’Anci Sicilia, come già promesso dal presidente Leoluca Orlando, che avrà una importante valenza per tutto il territorio».

 

«Ma si dovrà intervenire anche sulle politiche tariffarie dei Comuni – continua il segretario dei Pensionati catanesi della Cisl – e vedere soprattutto che cosa comporterà l’eliminazione della Tasi sulla prima casa, perché ci preoccupano le eventuali ripercussioni negative sulle altre imposizioni locali».

 

Tra le varie emergenze da affrontare con i Comuni c’è quella abitativa. «C’è una grande carenza di alloggi popolari o immobili pubblici da rendere disponibili – conferma Lombardo – che penalizza famiglie di lavoratori e anziani che si trovano in maggiori difficoltà. Per gli immobili comunali è necessaria una ricognizione e la messa a disposizione di chi ha più bisogno».

 

E poi la novità del cosiddetto “baratto amministrativo”, previsto dalla “legge Italia” di cui potranno beneficiare cittadini singoli o associati. «Vogliamo trovare il modo di fare deliberare riduzioni o esenzioni di tributi, trovando un punto di equilibrio molto delicato – conclude Lombardo – per coloro che non possono temporaneamente pagare le tasse locali, con la realizzazione di interventi di manutenzione, pulizia, abbellimento di aree verdi, piazze, strade, che però non entrino in competizione con le attività imprenditoriali locali».

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto