Cronaca

Piano d’intervento rifiuti, Adiconsum: “Obiettivi ambiziosi ma mancano strategie e costi per il coinvolgimento della popolazione”

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Rischia di essere un piano subito dai cittadini quello confezionato dal Comune di Catania, in collaborazione con il Conai, in cui il modello di gestione viene calato dall’alto senza il reale coinvolgimento della popolazione.
È questa la principale preoccupazione di Adiconsum nei confronti del Piano d’intervento per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, in questi giorni al vaglio del Consiglio comunale.
Un rischio che l’Adiconsum non vuole correre perché senza la piena partecipazione e comprensione dei cittadini si abbasserebbero notevolmente le possibilità di successo del servizio.
“Alla lettura – scrive alla Commissione il presidente della sede catanese Emanuele Bonomo – il piano d’intervento analizza attentamente il territorio e i dati relativi alla situazione attuale di produzione dei rifiuti nella città. Contemporaneamente il documento prevede un minuzioso piano operativo per raggiungere obiettivi ambiziosi per la città.
Di questo Adiconsum è sicuramente soddisfatta.
Emerge però una forte perplessità legata al coinvolgimento della popolazione”.
Secondo Adiconsum infatti educazione, comunicazione, promozione, citizen satisfaction, sembrano presenti nel documento più per “necessità” che non per reale volontà di attuazione.
Il piano, infatti, non chiarisce né contenuti, né modalità né tantomeno strategie e costi necessari per un simile coinvolgimento.
“La richiesta e l’auspicio dunque – dice Bonomo – sono che non ci si limiti a recepire una serie di attività e presìdi, tutti condivisibili, ma che questi vengano dettagliati, che l’Amministrazione Comunale stili linee guida e strategie puntuali, oltre che i budget per ciascuna azione in ambito partecipativo e di comunicazione”.
È inoltre necessario, ricorda il presidente nella nota inviata, che i piani di educazione, formazione, comunicazione e promozione siano corredati da chiari obiettivi di riduzione dei rifiuti prodotti e dall’aumento del materiale riciclato e che siano, almeno indicativamente stimati, gli impatti di maggiore risparmio potenziale per i cittadini.
“Crediamo fortemente che il successo di qualsiasi piano in una gestione cosi complessa come quella dei rifiuti – conclude Bonomo – debba necessariamente partire dai cittadini, coinvolgerli, ascoltarli, persino aiutarli nel percorso di realizzazione di un sistema di raccolta e smaltimento. In mancanza di questo coinvolgimento i cittadini “subiranno” un modello senza comprenderlo ed anzi il rischio  è che molti aspetti rimangano una pura “seccatura” abbassando così, notevolmente le possibilità di successo”.

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto