Archivio

Piano Regolatore approvato senza la VAS. A San Giovanni La Punta il M5S chiede la revoca in autotutela per evitare sanzioni

PRG

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Lo schema di massima del progetto di revisione del piano regolatore di San Giovanni La Punta è stato impugnato dal locale Movimento Cinque Stelle, dopo che un’interrogazione, presentata in questi giorni al Governo regionale di Palermo, segnala il caso puntese all’ ARS e chiede la revoca in autotutela della recente delibera di approvazione dello schema di massima del progetto di revisione del piano regolatore per “scongiurare ingenti danni erariali, per il pagamento delle sanzioni europee, e incalcolabili danni economici per il mancato sviluppo del territorio dovuti alla inevitabile paralisi del procedimento di approvazione del PRG.”.

Il rilievi della nostra opposizione non sono superabili – dice la  candidata sindaco Giusy Rannone, – questo Piano è stato redatto in violazione delle Norme Europee, e non può proseguire oltre. I cittadini e gli imprenditori che hanno creduto di poter aver un Piano Regolatore in tempi brevi sono stati bellamente presi in giro”.

Infatti il Piano portato in Consiglio Comunale non ha seguito la procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) in aperta violazione della Direttiva Europea 2001/42/CE, e non lo diciamo noi, lo dice la Commissione Europea che il 27 febbraio 2015 ha aperto un’indagine formale di infrazione nei confronti della Regione Siciliana.

Ma cosa è la VAS? Così come un protocollo di legalità ci protegge dalle infiltrazioni mafiose – spiega Giusy Rannone – allo stesso modo la VAS tutela la salute dei nostri bambini, degli anziani e di tutti i cittadini, tutela il nostro ambiente cioè l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo, il nostro suolo, (ricordiamoci quel che è successo nella terra dei fuochi) e tutela i beni culturali, cioè i nostri centri storici, che sono la nostra identità.

La VAS – continua Giusy Rannone – è una grande casa trasparente dove tutti tutti gli Enti competenti in materia ambientale (Soprintendenza, Genio civile, ASL, Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, Parco dell’Etna etc.), i gruppi sociali e le associazioni ambientaliste possono conoscere e contribuire alla formazione del Piano Regolatore.

La regione siciliana, inutile nasconderlo, ha eluso fino ad oggi l’obbligo della procedura VAS, che è obbligatoria dal lontano 2004. Già nel 2010 la Commissione Europea aveva aperto un indagine formale nei confronti della Regione Siciliana, richiamandola al rispetto delle regole, costringendola ad abrogare precipitosamente le leggi “ad regionem”, oggi potremmo dire, che si era data.

Con la nuova procedura di indagine formale aperta nei confronti della Regione Siciliana sarebbe da incoscienti cercare ancora di formare un Piano Regolatore chiusi nelle segrete stanze di un Ufficio Tecnico Comunale senza la trasparenza e la partecipazione imposti dalle nuove procedure europee.

L’intento dei pentastellati è, per la prima volta nella storia della nostra Comunità, di mettere lo strumento urbanistico in mano ai cittadini, così come recita la Legge, in maniera di far saltare eventuali sottaciuti accordi speculativi.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

 

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto