Eventi

Piano Rinazze: fronte comune dei sindaci

L’intervento di Nino Naso, sindaco di Paternò

Diverse le coloriture politiche dei sindaci e degli intervenienti, medesima la risposta negativa al progetto della “Ch4” a piano Rinazze: la vocazione agricola della valle del Simeto non ammette tradimenti.

Palazzo Alessi, pomeriggio dell’1 ottobre 2018, organizzata dal meetup amici 5 stelle di Paternò, l’assemblea ha visto la significativa partecipazione dei sindaci dei comuni di Adrano, Biancavilla e Paternò, i quali così sanciscono la costituzione di un fronte comune a salvaguardia del territorio del Simeto.

L’intervento di Antonio Bonanno, sindaco di Biancavilla

Alla ferma opposizione del Sindaco di Biancavilla Antonio Bonanno al progetto della “Ch4” per la costruzione di un mega biodigestore anaerobico per il trattamento della frazione organica dei rifiuti, anche per mezzo di ricorso amministrativo avverso la valutazione di impatto ambientale, si aggiunge la forte preoccupazione del Sindaco di Paternò Nino Naso, capofila dei sindaci del Patto del Simeto, in considerazione di quello che potrebbe essere il passaggio di colonne di automezzi per il centro urbano causa il trasporto giornaliero della frazione umida dagli altri comuni della provincia, finanche da mezza Sicilia, qualora le percentuali di raccolta differenziata permangano al livello infimo nel quale si attestano attualmente.

L’intervento del sindaco di Adrano, Angelo D’Agate

Il Sindaco di Adrano, Angelo D’Agate, comune capofila dell’area interessata dalla Strategia nazionale aree interne (SNAI), in seno alla quale è pur stata ufficializzata l’opzione per gli enti firmatari, regione siciliana inclusa(!) a favore di piccoli impianti comunali modulari per la biodigestione della frazione organica, ha espresso comunione d’intenti coi colleghi.

Parimenti significativi gli interventi di Lo Bianco (IRSSAT), Rapisarda (Comitato Rinazze e meetup Biancavilla), Asero (portavoce 5 stelle al comune di Biancavilla), Mastrocola (ex candidato sindaco per il M5S a Biancavilla), Liotta (meetup 5.1 Adrano, Rifiuti Zero Sicilia), Cannistraci (RZS e M5s) e Bruno, attivista di amici 5 stelle di Paternò, il quale ha anche assolto al ruolo di moderatore dell’incontro.

Cresce la speranza che la politica regionale del caos emergenziale sia definitivamente soppiantata dalla politica seria e forte del riconoscimento delle vocazioni locali sostenibili.
(sulla pagina facebook del meetup amici a 5 stelle Paternò il video dell’incontro).

Pietro Benina

In alto