News

Piano sanità, occorre un tavolo permanente territoriale

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«La riorganizzazione della rete ospedaliera e dell’emergenza catanese va fatta nel quadro della città metropolitana e con un confronto serio con le forze sociali, a un tavolo permanente con i direttori generali della sanità etnea e la presenza fondamentale del sindaco Enzo Bianco, in qualità di primo responsabile della sanità metropolitana».
Sono le richieste delle segreterie generali territoriali di Cgil, Cisl, Uil e delle federazioni del pubblico impiego Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl davanti all’ipotesi di revisione della sanità siciliana.
«Concordiamo con la posizione espressa dalle segreterie regionali – aggiungono – e sottolineiamo la specificità della sanità catanese che, nel piano ipotizzato, vede fortemente penalizzati i propri centri d’eccellenza e, nello specifico dell’emergenza, la parte sud della città».
Secondo Cgil, Cisl, Uil e Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl catanesi «è necessario fare chiarezza inoltre su un equo rapporto tra pubblico e privato, quest’ultimo non toccato dai tagli neanche nel territorio etneo, e sull’applicazione reale della legge 5/2009, che doveva mettere i  medici di base in condizione di alleggerire l’affluenza ai pronto soccorso».
«Non si tratta di difese campanilistiche dunque – concludono – ma della necessità di un confronto serio nell’interesse della tutela della salute dei cittadini, la salvaguardia dei lavoratori e l’efficienza dell’intero sistema sanitario catanese e siciliano».

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto