Archivio

Polizia Di Stato. Il casco salva la vita. Più controlli ai motociclisti indisciplinati

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Con l’arrivo della stagione estiva e delle temperature torride delle nostre “latitudini”, quella di far a meno del casco potrebbe essere una facile tentazione per i motociclisti e per gli scooteristi catanesi.
Ma non è necessario ricorrere alle statistiche, per comprendere quanto sia necessario e quante vite umane abbia salvato questo mezzo di protezione individuale: a ricordarcelo, infatti, sono sufficienti i resoconti che di tanto in tanto vengono riportati dalla stampa, soprattutto in tristi occasioni d’incidenti stradali.
Ecco, quindi, la “stretta” dei controlli sull’utilizzo del casco, disposta dal Questore di Catania Marcello Cardona.
La raccomandazione ai cittadini, oltre a quello d’indossarlo e di allacciarlo correttamente, è quella di far attenzione che il casco utilizzato sia omologato dal Ministero dei Trasporti o secondo la specifica europea ECE/ONU 22-05.
Anche l’utilizzo di caschi non omologati, infatti, costituisce una violazione del Codice della strada che, in quanto tale, comporta una sanzione.
Per stare tranquilli, occorre accertarsi che il casco riporti la sigla d’omologazione: questa è composta da un numero distintivo della nazione di omologazione (ad esempio, E3 per quanto riguarda l’Italia) e dal numero di omologazione – a sua volta composto da due cifre iniziali che indicano la versione della direttiva e le seguenti relative all’omologazione specifico del casco -. Inoltre, è presente una sigla che riporta il grado di protezione della mentoniera:

  • /J per i caschi aperti di tipo jet, quindi privi di mentoniera
  • /NP nel caso di mentoniera non protettiva, può essere il caso di alcuni caschi modulari
  • /P con mentoniera protettiva, è il caso dei caschi integrali
  • /P-J con mentoniera protettiva sia chiusa che aperta, con riferimento ai caschi modulari.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto