Archivio

Presentato a Catania il Festival nazionale dei Corti

Nelle scorse ore è stato presentato il Festival nazionale di Corti Teatrali “Teatri Riflessi”, alla presenza del direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche (Disum) dell’Università degli Studi di Catania Giancarlo Magnano San Lio, dai soci di IterCulture Dario D’Agata, Alessandra Li Greci, Valentina Sineri e Lina Maria Ugolini. L’evento organizzato dall’associazione IterCulture, dal 26 al 28 giugno  all’ex Monastero dei Benedettini di Catania metterà in scena le migliori opere teatrali italiane.


Valentina Sineri in merito al tema di quest’anno, ha dichiarato: “Ci siamo interrogati su cosa comporti lo sradicamento territoriale e culturale per le nuove generazioni, nel presente e nel futuro. Abbiamo scelto il fil rouge del tema “Radici” per evocare quel patrimonio da non disperdere e coltivare”. Il direttore ha aggiunto: Il laboratorio “Pianificazione, gestione e comunicazione di eventi culturali”- curato da IterCulture all’interno di Teatri Riflessi e che ha visto la partecipazione di molti studenti- è il terreno ideale per sperimentare sul campo le acquisizioni teoriche. È questo l’impegno dell’Ateneo nel favorire eventi solidi come Teatri Riflessi”.


Inoltre Teatri Riflessi propone anche StuzzicaMente, con forum, mostre, installazioni e artigianato artistico, ma è pure un opportunità – come precisa l’attrice Manuela Ventura- di incontro e confronto per drammaturghi, registi, attori, ballerini e performer che compongono la giuria che dovrà valutare i 12 corti teatrali in gara.
L’evento co- organizzato gratuito al pubblico, dall’Università degli Studi di Catania, dell’Agenzia I Press e di Viagrande Studios, il patrocinio del Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea, del Comune di Catania e numerose associazioni, media ed aziende, è sostenuto dai soci è mediante una lotteria e alla piattaforma di crowdfunding, www.laboriusa.it, in cui poter fare la propria donazione.

Cettina La Fata

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto