Archivio

Presidio Ospedaliero di Giarre: Dal 27 aprile rifunzionalizzazione del Pronto Soccorso e riorganizzazione dei servizi

CATANIA – Presentato oggi presso la sala riunioni della Direzione Generale dell’Asp Catania, il progetto di rifunzionalizzazione del Pronto Soccorso e di riorganizzazione dei servizi del Presidio Ospedaliero “San Giovanni di Dio e Sant’Isidoro” di Giarre.

Il percorso di riorganizzazione, così come condiviso con l’Assemblea dei sindaci del Distretto socio-sanitario 17 e con l’Assessore regionale alla Salute, verrà avviato da lunedì 27 aprile.

Scopo del progetto è quello di orientare i servizi verso quel cambiamento che viene richiesto al Sistema sanitario regionale, garantendo idonei servizi per l’emergenza, il potenziamento della rete territoriale ed il rafforzamento dei servizi ambulatoriali.

Il percorso di riorganizzazione prevede la sospensione degli accessi al Pronto Soccorso del P.O. di Giarre a partire dal 27 aprile, procedendo al contempo alla sua rifunzionalizzazione: saranno attivati un Punto di Primo Intervento medico (PPI) con competenze adeguate a fronteggiare le urgenze differibili; un Punto di Primo Intervento Pediatrico (PPIP); una Guardia medica per garantire la continuità assistenziale; diverse postazioni ambulanza del 118 medicalizzata (a Giarre, Riposto, Mascali, Linguaglossa, Milo-Sant’Alfio), con servizio 24 ore ed equipaggio medico specializzato in emergenza e rianimazione.

Il piano operativo di riorganizzazione dei servizi prevede anche alcune importanti novità rivolte al rafforzamento della rete sanitaria sul territorio, contemplando la realizzazione di un Centro di riferimento regionale per il trattamento dei disturbi alimentari, l’istituzione di un servizio territoriale di cardiologia (utilizzando i cardiologi dell’Ospedale, e implementando le procedure di assistenza per i pazienti con scompenso cardiaco) e l’acquisto di un apparecchio radiologico telecomandato e di un ecografo di ultima generazione.

 Ornella Fichera

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto