News

Promozione, Megara Augusta – Adrano 3-1. Anastasi: “Dobbiamo cambiare atteggiamento”

foto: Francesco Mascia
promo_1

Clicca sull’immagine per saperne di più

foto: Francesco Mascia

foto: Francesco Mascia

Augusta. Giornata da dimenticare per l’Adrano Calcio che oggi ha disputato al Megarello di Augusta uno dei due anticipi della quarta giornata. Un direttore di gara molto discusso, un terreno di gioco in cattive condizioni e un eccessivo nervosismo in campo, specie tra gli adraniti, ha fatto concludere la partita in 7 uomini alla squadra di Anastasi.

LA CRONACA

La partita si è sbloccata già al 10′ grazie ad un calcio di rigore per i padroni di casa, decretato per un tocco di mano in area di Spitaleri. Dal dischetto è Di Mauro a portare in vantaggio i suoi. Il terreno di gioco è scivoloso e sono tanti i contrasti duri, il nervosismo tra i giocatori è evidente.

Per gli etnei il primo tempo è da dimenticare e, ciliegina sulla torta, al 44′ arriva il secondo gol del Megara su un’azione rocambolesca che ha visto il pallone sbattere sulla traversa, sollevarsi di qualche metro ed entrare in rete dopo essere rimbalzato a terra (decisivo il tocco finale di Miraglia).

Subito dopo il gol un brutto fallo subito dagli adraniti fa scattare le proteste di Pandolfo e Cosimano, che vengono ammoniti. Il cartellino giallo non viene apprezzato da Spitaleri (capitano della squadra) che dice qualcosa di troppo e riceve il cartellino rosso dal signor Baglieri della sezione di Ragusa.

Nella ripresa, nonostante il risultato e l’uomo in meno, l’Adrano torna in campo grintoso. Al 3′ Torcivia riceve una testata, l’attaccante adranita reagisce aggredendo l’avversario e si becca il cartellino rosso. Al 18′ l’Adrano accorcia le distanze con un gol di Virgillito e alla mezzora, in due minuti, si vede negati due rigori netti.

Il Megara si affida al contropiede e in due azioni subisce fallo da ultimo uomo da Tomaselli (fuori area) e Pesce (in area). Entrambi vengono espulsi e per il fallo di Pesce (40′)  l’arbitro assegna il rigore: Di Mauro batte Strano per il definitivo 3-1.

A fine partita Maurizio Anastasi è parecchio contrariato dall’atteggiamento dei suoi: “Non ci sono scusanti, l’atteggiamento che abbiamo avuto è ingiustificabile. Nel calcio può capitare un direttore di gara in giornata no, cosi come si può trovare un terreno di gioco in condizioni non ottimali, ma la squadra non deve mai perdere la testa. Dobbiamo cambiare atteggiamento in partita ed in allenamento.”

“Oggi era importante conquistare la vittoria – ha affermato il tecnico del Megara Augusta Migneco – , sono felice che siano arrivati questi tre punti. Il primo tempo mi ha soddisfatto, la squadra ha giocato come piace a me, corta, aggressiva con grande spinta offensiva. Della ripresa ne parleremo martedì  è chiaro che i secondi 45 minuti non mi lasciano sereno, dobbiamo crescere anche in questo con li lavoro lo faremo.”

TABELLINO

MEGARA AUGUSTA. Pincio, Carpinteri, Gilberto, Mangameli (86′ Gambino) , Marziano, Micieli, Pasqua (62′ Prato), Doumbia, Di Mauro, Gattuso (74′ Vena), Miraglia. All. Migneco

ADRANO. Strano, Malvuccio, Dell’Erba (60′ Tomaselli), Spitaleri, Pandolfo, Terranova, Campilongo, Leanza (45′ Torcivia), Virgillito, Cosimano (61′ Pesce), Licandri. All. Anastasi

RETI. 10’ Di Mauro (M),  44’ Miraglia (M), 63’ Virgillitto (A),  85’ Di Mauro (M)

 

 

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto