Cronaca

Rapinavano furgoni carichi di tabacchi, emessi sei mandati di cattura

GAGLIANO-Giovanni

Catania. Un’indagine portata avanti da giugno 2014 a marzo 2015 ha permesso di individuare un’associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine e furti in appartamento, nonché ricettazione e detenzione e porto illegale di armi da fuoco.

Alle prime luci dell’alba la Polizia di Stato ha dato esecuzione a cinque mandati di cattura nei confronti di:

  1. AIELLO Concetto (cl.1975), pregiudicato,già agli arresti domiciliari per altra causa;
  2. ARENA Massimiliano (cl.1983), inteso “Massimo”, pregiudicato, già detenuto per altra causa;
  3. GAGLIANO Giovanni (cl.1990), pregiudicato;
  4. LO RE Salvatore (cl.1978), pregiudicato;
  5. VERGA Vincenzo (cl.1974), pregiudicato, già agli arresti domiciliari per altra causa.

All’appello manca ancora un sesto uomo, al momento irreperibile.

L’elevato numero di rapine eseguite nei confronti della ditta che si occupa del trasporto di tabacchi a Catania e provincia, avvenute dalla seconda metà del 2013 ai primi mesi del 2015 (14 rapine in tutto) ha fatto scattare da parte degli agenti della Squadra Antirapine di Catania un’attività di indagine tecnica  (appostamenti, pedinamenti, visione delle immagini dei fatti-reato) a supporto del lavoro sul territorio. Da queste è emerso che a capo della banda vi fosse un ex dipendente della ditta, Gagliano Giovanni, che forte delle conoscenze dei percorsi dei furgoni, delle sedi dei destinatari delle forniture e dei sistemi di antifurto posti sui mezzi ha coordinato i colpi al minimo dettaglio.

All’associazione sono state contestate tre rapine aggravate (la cui refurtiva aveva un valore complessivo di 180mila euro) commesse rispettivamente il 3 giugno 2014, il 10 febbraio ed il 13 marzo 2015 e tre furti aggravati in abitazione commessi a Catania ed in alcuni comuni della provincia rispettivamente il 23 febbraio 12 e 18 marzo 2015.

A Gagliano è stata, inoltre, contestata la detenzione illegale di due pistole semiautomatiche.

Tra i destinatari del provvedimento figura anche Arena Massimiliano, figlio del noto ARENA Giovanni (cl. 1956) in atto detenuto, latitante dal 1993, inserito nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità facenti parte del “Programma Speciale di ricerca” catturato da questa Squadra Mobile il 26.10.2011. A questi è stato contestato il reato di detenzione e porto illegale di arma comune da sparo e quello di minaccia aggravata proprio ai danni dello stesso Gagliano Giovanni.

L’operazione è stata denominata “Smoke Free”.

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto