Archivio

Relazione al convegno su “Scorie radioattive nel bacino del Simeto: l’ennesima condanna?

12243536_1659799360964091_3941053793941304472_n

Organizzato dal Presidio partecipativo del Patto di fiume Simeto, si è svolto a Troina il Convegno “Scorie radiattive nel bacino del Simeto: l’ennesima condanna?”, alla presenza dei Sindaci di Troina (Sebastiano Venezia), di Regalbuto (Francesco Bivona), di Agira (On. Maria Greco), del Sen. Fabrizio Bocchino della Commissione Istruzione Pubblica e BB.CC. del Senato della Repubblica, e di una folta rappresentanza dei cittadini  di tutti i comuni del Patto e di Agira.

Relatori tre dirigenti dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ente pubblico di ricerca che si occupa di ricerca fondamentale in Fisica: il Dr. Paolo Finocchiaro – esperto di rilevazione e monitoraggio delle radiazioni; il Dr. Santo Gammino, già responsabile del progetto TRASCO per il ritrattamento e la riduzione di attività dei rifiuti radioattivi; il Dr. Giacomo Cuttone, direttore dei Laboratori Nazionali del Sud e delegato Euratom per il MIUR,  responsabile del primo progetto in Italia ad aver impiegato fasci di protoni per combattere il melanoma oculare.

Come è stato ben evidenziato dal moderatore Dr. David Mascali, dal vicepresidente del presidio Ing. Carmelo Caruso, dalla Presidente dell’Assemblea del patto, Graziella Ligresti, il Convegno – secondo  la metodologia propria del Presidio – ha avuto lo scopo di offrire ai cittadini consapevolezza responsabile, attraverso la conoscenza accurata delle problematiche connesse alla ventilata ipotesi che il deposito nazionale di circa 90 mila metri cubi di scorie radioattive presenti in Italia, sia allocato in Sicilia, nel territorio del Patto o nelle immediate vicinanze.  Dalla conoscenza corretta dei termini del problema dovrà scaturire l’impegno serio della cittadinanza attiva.

I sindaci hanno tutti evidenziato gli aspetti tecnici e sociali per i quali la localizzazione del deposito in terra siciliana sia da ritenersi un errore enorme cui i cittadini non potranno mai piegarsi: problemi di sismicità, di falde acquifere e di bacini idrici, di strade inidonee al trasporto da un lato, e dall’altro di penalizzazione economica di un’area già storicamente svantaggiata.

I Relatori hanno illustrato le criticità attinenti al sistema di smaltimento nazionale, al momento assai carente: se da un lato un Paese tecnologicamente avanzato produce scorie radioattive anche in campo medico e industriale, l’individuazione del deposito nazionale richiederebbe una seria opera di sensibilizzazione per la creazione di una coscienza nazionale. Forte l’auspicio che in un contesto così delicato non prevalgano le logiche del profitto e che, in un processo trasparente, si tenga conto delle avanzate conoscenze scientifiche di cui l’Italia dispone. Tra le principali problematiche evidenziate, il difficile trasporto verso i territori dell’ennese che esporrebbe le scorie a numerosi rischi. E’ stata mostrata altresì una possibile alternativa all’attuale sistema di stoccaggio, utile alla riduzione della vita media dei rifiuti, nota come ADS – Accelerator Driven System.

Vivace e appassionato dibattito finale. Tra i molteplici  interventi la richiesta vibrante perché  si faccia luce sulla miniera di Pasquasia e quella sull’alternativa al deposito di profondità delle scorie.

A conclusione i rappresentanti del Patto ed i Sindaci presenti, si sono impegnati a preparare una successiva iniziativa volta da un lato ad approfondire gli aspetti tecnici e scientifici emersi, e dall’altro coinvolgere tutte le istituzioni che intervengono sul territorio perché  si avvii un dibattito nazionale di alto profilo.

12226983_1659799854297375_8190947234893177840_n

 

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto