Sport

Rieti – Catania 1-4: si torna a vincere fuori casa!

Al Manlio Scopigno di Rieti il Catania pone fine alla striscia di sconfitte esterne consecutive e torna a conquistare i 3 punti lontano dal Massimino con un perentorio 4-1.

Dopo una settimana intensa e la vittoria di Potenza che è valsa il passaggio del turno in Coppa Italia, Lucarelli schiera una formazione inedita con un modulo, il 4-4-2, che vede Biondi e Mazzarani esterni di centrocampo con Rizzo e Dall’Oglio centrali, in avanti Di Molfetta appoggia Di Piazza in attacco e dietro la coppia centrale di difesa è composta da Silvestri ed Esposito con Biagianti in panchina.

Il Rieti, invece, risolti i problemi societari che hanno portato alla sconfitta a tavolino contro la Reggina schiera un 4-3-3 con l’ex Esposito sull’out di destra.

Sin dall’inizio si nota subito un atteggiamento positivo da parte degli uomini di Lucarelli che pressano alto e si rendono subito pericolosi con Di Piazza che, ben servito da Mazzarani, spara addosso al portiere da ottima posizione.

Al 15esimo il Catania passa: errore in fase d’appoggio da parte della difesa del Rieti e Di Molfetta al limite dell’area di rigore lascia partire un destro preciso che batte il portiere avversario.

Prima rete in campionato per Di Molfetta e Catania che torna in rete in trasferta dopo quasi due mesi.

I rossazzurri, nonostante il vantaggio, continuano ad attaccare e al 18esimo è Mazzarani che, da posizione defilata, calcia una punizione perfetta che si stampa sulla traversa, mentre pochi minuti dopo è Calapai, al termine di una splendida cavalcata sulla destra, a calciare alto da ottima posizione.

Al 32esimo il Rieti resta in 10 uomini: il difensore Granata, già ammonito, trattiene per la maglia uno scatenato Biondi e l’arbitro è costretto ad estrarre il secondo cartellino giallo e di conseguenza quello rosso. A questo punto il Catania diventa padrone assoluto del campo e fino al 45esimo si assiste ad un vero dominio rossazzurro.

Ad inizio ripresa Dall’Oglio imita Granata e già ammonito, commette un brutto fallo in attacco e l’arbitro estrae il secondo cartellino rosso della gara.

Parità numerica stabilità e Rieti che prova a riprendere la gara ma, fortunatamente per i rossazzurri, una splendida azione sull’asse Calapai-Biondi porta al cross di quest’ultimo per Di Molfetta che, sempre di destro, batte ancora il portiere avversario.

Raddoppio etneo e soddisfazione doppia per Di Molfetta che riesce trovare addirittura la doppietta personale.

Il 2-0 ridona serenità a mister Lucarelli, che, nel frattempo, ha sostituito Mazzarani con Biagianti per dare maggiore equilibrio alla squadra in 10.  

La tranquillità consente al Catania di giocare con ordine e disciplina e al 69esimo un filtrante di Barisic, entrato dieci minuti prima per sostituire Biondi, giunge a Di Piazza che tutto solo infila la terza rete rossazzurra.

3 -0 e tutto troppo facile per gli etnei che nell’ultimo quarto d’ora, subiscono la rete della bandiera da parte del Rieti con De Sarlo e poi ristabiliscono le distanze con il primo goal in campionato di Lele Catania, che insacca su un altro assist di Barisic.

Nel finale lo stesso Catania sbaglia due semplici occasioni per la doppietta personale, ma al triplice fischio finale la gioia in casa rossazzurra è tale da non badare agli errori sotto porta.

Seconda vittoria consecutiva, dunque, per il Catania in soli 4 giorni ed è importante che entrambe siano arrivate lontano da casa dove non si vinceva dalla prima giornata di campionato in quel di Avellino.

L’impronta di Lucarelli continua a vedersi sempre più perché anche oggi il tecnico livornese ha scelto un undici tenendo conto solo di chi è più in forma e la risposta si è avuta sul campo.

Inoltre, per quanto successo in settimana fuori dal campo, la squadra ha mostrato compattezza e coesione anche se la mancata esultanza di Di Piazza dopo la sua rete non è stato un bel segnale.

Insomma, il dottor Lucarelli continua la sua cura ed il malato Catania sembra dare i primi segnali di ripresa.

In alto