Politica

Ripristino dell’ospedale di Giarre: si apre uno spiraglio

ospedale_reparto

 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo integralmente-

Riunione della VI commissione Regionale  “Servizi Sociali e Sanitari” approvata risoluzione per ripristino ospedale di  2° livello-    Si è riunita ieri pomeriggio nei locali dell’ Ospedale di Giarre in via Forlanini, su richiesta dei Sindaci del comprensorio Jonico Etneo, , la Commissione Regionale “servizi sociali e sanitari” per affrontare la tematica relativa al ripristino della funzionalità del nosocomio giarrese.

 

All’incontro con la Commissione Regionale, presieduta dall’On. Di Giacomo, erano  presenti i Sindaci dei Comuni di Giarre, Mascali, Riposto, Fiumefreddo di Sicilia, Calatabiano, Milo, Sant’Alfio, S. Venerina, i Vice Sindaci dei comuni di Piedimonte Etneo e Linguaglossa,  numerosi consiglieri comunali e assessori dei comuni dell’area jonico etnea e soprattutto tanti cittadini che hanno risposto positivamente all’appello lanciato dal Sindaco D’Anna  a sostengo delle istituzioni  e in difesa del diritto alla salute.

 

La Commissione Regionale ha ascoltato gli interventi dei Sindaci e, eccezionalmente, anche da parte di numerosi cittadini esasperati per la chiusura del Pronto Soccorso e dei vari reparti, soprattutto di quello di psichiatria.

 

Il Sindaco di Giarre nel suo intervento iniziale ha effettuato un confronto con gli altri distretti sanitari in  rapporto agli abitanti / numero di pronto soccorso ed evidenziato che il Distretto di Giarre Acireale, “ a fronte di un numero di abitanti che rappresenta  il 20 % di tutta la provincia di Catania ha un solo pronto soccorso mentre altri distretti sanitari,  con un numero inferiore di abitanti hanno due o più pronto soccorso”.  Continuando nel suo intervento il Sindaco ha messo in rilievo anche che, nel caso di Giarre,  non è stato applicato il concetto di ospedale riunito in quanto i servizi sono stati allocati in maniera sproporzionata a favore di Acireale ed in pratica è stata fatta una spoliazione dei servizi offerti dal nosocomio giarrese, con l’aggravante anche che, purtroppo, per il troppo  affollamento,  “il Pronto Soccorso di Acireale si trova al collasso e la gente sta cominciando a rinunciare a curarsi”.  Ha concluso chiedendo alla politica sia regionale che nazionale, di trovare delle soluzioni  che vadano oltre la semplice costituzione di un PTE,  a garanzia delle emergenze urgenti e al fine di rilanciare un’offerta sanitaria degna del nome di Giarre e di tutti i Comuni facenti parte del Distretto Sanitario.

Sono intervenuti anche il Sindaco di Riposto Caragliano (per il quale l’offerta sanitaria dell’ospedale di Giarre è stata depauperata continuamente dal 2008 ad oggi), e il  Sindaco di Mascali (che ha sottolineato il fatto che le uniche risposte concrete per il ripristino dei servizi del pronto soccorso le può dare la Giunta Regionale e che ciò deve avvenire entro sei mesi per evitare passerelle e promesse elettorali giacchè l’anno prossimo si svolgeranno le elezioni regionali).

 

Ulteriori interventi sono stati effettuati da  rappresentanti di varie organizzazioni e privati cittadini, tra i quali ex pazienti del reparto di psichiatria che hanno fornito delle testimonianze commoventi.

 

Il Presidente della Commissione On. Di Giacomo, a conclusione dei lavori e a seguito di ulteriore intervento del Sindaco di Giarre che ha ribadito con forza la richiesta di ripristino del pronto soccorso e dei reparti a supporto, ha fatto proprie le varie richieste e, unitamente a tutti i componenti della Commissione, ha approvato una risoluzione da inviare al Governo Regionale per restituire all’Ospedale di Giarre “.. la nervatura di un ospedale di 2° livello con la riattivazione dei reparti di medicina e chirurgia”.

 

 

Le news dalla Città Metropolitana di Catania

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini inviare una email a [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto