Archivio

S. Maria di Licodia mostra ai “simetini” la bellezza del recuperato lavatoio e della fontana del cherubino, la Summer school il roseo futuro della nostra valle

2015-06-25 08.36.12

L’incontro pomeridiano oltre a svelare  i risvolti del lavoro progettuale della scuola estiva di rigenerazione rurale e urbana Coped 2015, è stato l’occasione per l’inaugurazione dell’area del lavatoio licodiese ripulito e restaurato nel breve volgere di un anno grazie alla collaborazione della migliore cittadinanza e al fondamentale intervento di supporto del Gal Etna e delle istituzioni locali, le quali hanno di comune accordo deciso l’intervento sopra descritto.

È toccato al sindaco Totò Mastroianni  il taglio del nastro e il compito di fare gli “onori di casa” al cospetto della nutrita schiera di ospiti (molti sindaci del Gal Etna, il Presidio partecipativo del Patto di fiume Simeto, i membri della summer school, il numeroso pubblico).

Sembra si stia progressivamente affermando la mentalità della omogeneità  di territorio che può far ben sperare per lo sviluppo  dei nostri luoghi.

Tra i tanti interventi ci piace riportare quello del Prof. Mario La Rosa, il quale più di tutti ha creduto alla rinascita della zona della fontana del cherubino investendovi  energie morali e materiali  per l’insediamento di un agriturismo.

In effetti a prescindere dall’eco-mostro di cemento che si staglia sulla strada immediatamente a monte della fontana, dal lavatoio si gode una visione splendida della valle, del Simeto e dei monti Erei che dolcemente digradano verso il fiume, della collina di Paternò.

È toccato al ricercatore presso la Memphis University Antonio Raciti condurre la presentazione della Summer school coped 2015 e del lavoro di finalizzazione dei progetti.

L’evento bissa quello dell’anno precedente e risponde alla logica del “service learning”( imparare servendo) la comunità; la metodologia della scuola è quasi etno-grafica, e pertanto si avvale del processo dal basso, delle idee progettuali della gente dei luoghi; i progetti sono in fase di elaborazione embrionale (molti), alcuni “ready to start”.

La presentazione della progettazione ha dato priorità alla tematica delle acque e dei rifiuti; la prima a dire il vero ha  già instaurato un virtuoso percorso di lavoro comune con la regione Sicilia per la scrittura del piano di gestione delle acque e del rischio alluvioni (si ricorda il precedente articolo sull’ evento di Regalbuto degli inizi del mese); il secondo verte sull’implementazione della strategia rifiuti zero (c’è stata l’individuazione di una best practice da seguire, segnatamente il progetto integrato  di Oporto e di altri otto comuni del circondario).

Il tavolo cultura oltre al turismo mira alla creazione dell’identità di valle; a tal proposito si procederà a creare un atlante del patrimonio materiale e immateriale delle valle a supporto di futuri progetti di sviluppo rurale; esempi di interventi concreti sono la creazione di una  rete di musei diffusi, il progetto di rivitalizzazione dei centri storici e degli spazi pubblici locali.

Il tavolo mobilità della valle e dei singoli comuni punterà a restaurare i collegamenti tra paese e paese e le strade che scendono a valle o che corrono lungo di essa (anche ferrovia).

Il tavolo agricoltura parte dalla ricognizione dei soggetti  e del paniere dei prodotti locali, prosegue con la certificazione di qualità auto-prodotta, prevede l’abbattimento del caporalato, l’inclusione sociale, la creazione di opportunità lavorative, l’implementazione del ciclo dell’economia circolare,  progetti di educazione alimentare e   promozione di bio-architettura. Altri accenni sono stati fatti alla mappatura dei numerosi terreni abbandonati, alla creazione di un marchio di qualità (Alto-medio, basso).

Ad ogni modo ci piacerebbe scrivere con maggior cognizione di causa degli argomenti sopradetti , e/o ricevere contributi  dagli esperti dei  tavoli di lavoro, ciò a  prescindere dalla pubblicazione del report finale  sul sito www.cardisiciliani.org.

Pietro Benina

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto