Archivio

Salta l’accordo, Antenna Sicilia smantella il suo Tg. Lavoratori in agitazione

Catania. Non è bastata nemmeno la mediazione dell’assessore regionale Bruno Caruso, la Sige, società proprietaria dell’emittente televisiva Antenna Sicilia, non ha accolto le proposte pervenute dai sindacati ed ha deciso di proseguire secondo quanto già annunciato alcuni mesi fa: licenziamento di sedici dipendenti e drastica riduzione del palinsesto televisivo, in particolare del telegiornale, il più seguito in Sicilia.

Proprio il telegiornale, fino ad oggi andato in onda sempre regolarmente nonostante non vengano erogati da due mesi gli stipendi, da questo momento e per circa dieci giorni andrà in onda in forma ridotta, a causa di uno stato di agitazione indetto dai lavoratori. Dopo i dieci giorni, licenziati i sedici dipendenti, non è chiaro cosa succederà. L’ipotesi più plausibile è che la società della famiglia Ciancio trasmetta solo televendite, repliche e tg acquistati da terzi, cosa che lascia sconforto e preoccupazione per il futuro dei lavoratori e dell’informazione siciliana, che si appresta a passare un periodo che potrebbe rivelarsi particolarmente buio.

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

 

In alto