Archivio

San Giovanni Galermo. Vie impraticabili e completamente allagate,

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Vie impraticabili e completamente allagate, piene di buche e voragini, che rendono pericolosa la viabilità e la sicurezza dei pedoni e degli automobilisti a San Giovanni Galermo. Qui il problema legato al deflusso delle acque piovane non sembra trovare una soluzione definitiva. Così adesso protestano migliaia di residenti e pendolari che chiedono quei lavori urgenti per eliminare una piaga che penalizza l’intero Nord-Est della città. In via Villa Flaminia gli abitanti hanno costruito con legno e putrelle di ferro una caditoia improvvisata per evitare che auto o scooter ci finissero dentro. In via Barriera o via Del Fasano bisogna, invece, muoversi con la muta da sub perché le arterie sono diventate fiumi in piena. Come vice presidente della circoscrizione di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo” il sottoscritto Giuseppe Zingale, insieme al presidente di quartiere Emanuele Giacalone, ho raccolto le segnalazioni dei sangiovannesi e chiedo all’amministrazione comunale di intervenire urgentemente perché la pioggia e la continua usura del terreno hanno fatto sprofondare ampi tratti di strade senza considerare che catrame e ciottoli hanno invaso le carreggiate. Finita l’emergenza maltempo ci sarà poi quella legata alla riparazione del manto bucherellato. Pedoni costretti a guardare per terra per evitare di finire dentro le buche, motorini e macchine a fare lo slalom tra fosse e depressioni del terreno, carrozzieri e gommisti che fanno affari d’oro. Da tempo questa circoscrizione ha mostrato a Palazzo degli Elefanti le priorità da eseguire per migliorare la viabilità di una parte di Catania che rappresenta il collegamento tra la città e i paesi pedemontani. Finora ci sono stati solo interventi tampone che non hanno portato a nessun risultato soddisfacente.

Giuseppe Zingale
Vice presidente “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”

Per restare aggiornati sulle notizie si può seguire La Gazzetta Catanese.it anche su Facebook, cliccando qui.

In alto