Cronaca

Sequestrata, picchiata, minacciata e costretta a prostituirsi. Finisce l’incubo di una 20enne

Mazzarrone. I carabinieri della locale Stazione hanno sottoposto a fermo d’indiziato un 18enne, originario della Romania, per riduzione in schiavitù, sequestro di persona e lesioni personali.

L’uomo, dal 22 luglio, avrebbe segregato nella sua abitazione una connazionale 20enne costringendola a prostituirsi, picchiandola e minacciandola con un coltello da cucina ed una forbice da potatura.  Ieri sera, utilizzando il cellulare di un cliente, la giovane è riuscita a chiamare i familiari per chiedere aiuto. Avvertiti dai genitori, i militari sono immediatamente intervenuti bloccando il 18enne e liberando la donna.

La giovane è stata trasportata e medicata all’ospedale di Caltagirone, dove i sanitari hanno riscontrato delle ecchimosi e contusionia spalle e gomiti, giudicate guaribile in 3 giorni.

Il coltello e le forbici da potatura utilizzati dal 18enne sono stati rinvenuti dentro casa dai Carabinieri e sono stati sequestrati.

L’arrestato è stato ristretto nel carcere di Caltagirone (CT), a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In alto