Meteo

Sicilia, freddo in attenuazione nel weekend. Salvo il ponte del 25 aprile

La saccatura di origine artica che da oltre 48 ore interessa le estreme regioni meridionali italiane ha portato con sé scenari meteorologici e paesaggistici inconsueti per il periodo. Il flusso di aria fredda dai quadranti settentrionali ha favorito un deciso calo della quota dello zero termico e il ritorno della neve sull’Etna anche poco al di sotto dei 1500 metri. Sotto una fitta coltre di nubi e freddi venti di Tramontana, stamani è tornata a imbiancarsi la stazione sciistica di Piano Provenzana, dove la temperatura minima registrata dalla centralina di rilevamento del SIAS ha sfiorato i -6°C.

La prossima sarà con ogni probabilità la notte più fredda del mese di aprile: se si eccettua il messinese, i cieli diffusamente stellati favoriranno un deciso irraggiamento notturno ed un’elevata escursione termica. Le minime si porteranno quasi ovunque al di sotto dei 10°C, specie nei settori interni non mitigati dall’influenza marina; a tal riguardo esemplare è il caso della Piana di Catania ed in particolare l’area compresa tra gli aeroporti di Fontanarossa e Sigonella: quando agli effetti dell’aria fredda in quota si sommano cieli sgombri da nuvolosità significativa, assenza di isola di calore urbana, relativa “continentalità” e scarsa ventilazione, le temperature possono attestarsi su valori insospettabilmente bassi. Salendo di quota, le località alto-collinari e di bassa montagna si avvicineranno probabilmente allo zero, mentre nuove gelate sono attese sui principali rilievi ed in particolare sull’Etna, sui Nebrodi e sulle Madonie. Si tratta di valori termici di circa 7°C inferiori alle medie del periodo.

Output grafico di un modello di previsione numerica ad alta risoluzione (WRF) riferito alle temperature minime attese nella prossima notte. I colori più freddi, nelle tonalità blu e viola, identificano i settori della Sicilia con le temperature più rigide, inferiori allo zero nei principali comprensori montuosi. Relativamente più miti le coste.

 

LA TENDENZA METEO PER I PROSSIMI GIORNI. Il freddo fuori stagione tenderà ad attenuarsi gradualmente nel corso del weekend in concomitanza con la progressiva espansione dell’anticiclone delle Azzorre sul Mediterraneo centro-occidentale. L’incremento del campo di pressione e geopotenziale determinerà anche una stabilizzazione delle condizioni atmosferiche: residui addensamenti nuvolosi, in fase di dissoluzione, si concentreranno nella mattinata di sabato sulla Sicilia nord-orientale, con possibilità di isolate precipitazioni (di modesta rilevanza) a ridosso dei Nebrodi, mentre un ampio e prevalente soleggiamento interesserà le restanti aree regionali per tutto il fine settimana. Le temperature, ancora piuttosto rigide nelle prime ore di sabato, subiranno un apprezzabile aumento nella giornata domenicale, pur mantendendosi comunque inferiori alle medie primaverili.

Estendendo lo sguardo all’evoluzione meteorologica a medio termine, giungono buone notizie anche per il ponte del 25 aprile: un campo di alta pressione garantirà con buona probabilità condizioni di prevalente bel tempo, in un contesto termico via via più mite e gradevole. Non si tratterà, comunque, di una definitiva svolta primaverile in ottica caldo e bel tempo: con l’anticiclone delle Azzorre spesso defilato sul comparto occidentale del continente europeo, gli ultimi giorni di aprile potrebbero essere nuovamente improntati agli scambi di calore lungo il senso dei meridiani e, dunque, ad un andamento piuttosto altalenante delle condizioni atmosferiche. Dopo un inizio particolarmente morbido, per qualche settimana la primavera continuerà a mostrarci il suo volto dinamico.

 
Andrea Bonina | MeteoEtna.com

In alto