News

Sicilia orientale nella morsa del gelo: è tornata la neve nel catanese. Le prospettive meteorologiche per le prossime ore

neve-nicolosi

Il nucleo d’aria artica che a partire dalla scorsa notte ha fatto capolino in Sicilia ha dato la stura a nevicate diffuse su numerosi comuni dell’area etnea e dei Nebrodi. L’autentico crollo delle temperature, coadiuvato da forti venti tra Grecale (NE) e Tramontana (N), ha favorito il ritorno della neve a partire dalle basse quote, con fiocchi che in serata si sono spinti fin sull’acese e sui quartieri collinari di Catania. Imbiancate, tra le altre, Linguaglossa, Randazzo, Maletto, Bronte, Adrano, Nicolosi, Mascalucia, Pedara e Zafferana, dove si spazia dalla semplice ‘imbiancata’ a circa 5/10 centimetri di neve al suolo. Apporti nevosi ancora più abbondanti, fino ai 15/20 cm, a Piano Provenzana, dove la temperatura ha toccato i -9°C: nella stazione sciistica del versante Nord da domani saranno in funzione tutti gli impianti sciistici, compreso Monte Conca.

Nella notte il pericolo sarà costituito non solo dal manto nevoso, più o meno abbondante e compatto, ma soprattutto dalle gelate. Circolazione difficile su tutte le arterie alto collinari e montuose dell’hinterland etneo a causa di insidiose lastre di ghiaccio favorite dall’abbassamento dello zero termico fino ai 600-700 metri. Si ricorda che dal 24 novembre 2016 al 15 marzo 2017 vige l’obbligo di pneumatici invernali o catene da neve a bordo su tutte le strade statali e le autostrade in gestione Anas normalmente esposte al rischio di precipitazioni nevose o alla formazione di ghiaccio durante la stagione invernale.

Ma cosa ci attende nelle prossime ore? Con la progressiva traslazione della saccatura artica verso oriente, tra la notte e la prima parte della giornata di giovedì è attesa una generale attenuazione dei fenomeni. Nubi più compatte resisteranno segnatamente sulla dorsale dei Nebrodi e sul versante nord dell’Etna, ma con fenomeni deboli e sporadici. Il colpo di coda della fase gelida si concretizzerà probabilmente tra il tardo pomeriggio di domani e l’alba del 31 dicembre, quando un nuovo impulso freddo in alta quota andrà a ad alimentare un’ultima fase instabile. Occasione per la formazione di nuovi annuvolamenti sul basso Tirreno che, sospinti dalle correnti in quota dai quadranti settentrionali e modellati dall’orografia dei Nebrodi e dell’Etna, potrebbero dar luogo a nuove nevicate brevi, intermittenti e localizzate fino alle quote collinari, più probabili sui versanti nordovest, nord e nordest del vulcano.

Tempo in deciso e definitivo miglioramento nelle ultime ore dell’anno: la giornata di San Silvestro, specie nel pomeriggio ed in serata, trascorrerà con ogni probabilità all’insegna del tempo asciutto, in un contesto termico ancora particolarmente rigido. Cenoni al sicuro, dunque, ma ancora attenzione al rischio di gelate notturne nei settori montani. I primi giorni del 2017 beneficeranno di condizioni tendenzialmente stabili e spesso soleggiate grazie ad una parziale rimonta dell’anticiclone. In attesa delle prossime mosse del Generale Inverno.

Andrea Bonina

Il primo Network in franchising di quotidiani online

Testata giornalistica ai sensi della Legge 103/2012. Direttore Responsabile Dario Lazzaro. Tutti i contenuti de lagazzettacatanese.it sono di proprietà di Associazione Il Cirneco, C.F.: 93197970879
Per i comunicati stampa, testi e immagini dovranno essere inviati alla email [email protected]
Per la tua pubblicità su questa testata: Responsabile commerciale Simone Cirami – [email protected] – Mob: +39 327 77 03 240.

Scarica l'App de LaGazzettaCatanese.it

Copyright © 2015 Associazione Il Cirneco

In alto