Cronaca

Sidra, il presidente si dimette. SEL Catania esprime solidarietà a Giardina

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Sinistra Ecologia Libertà esprime solidarietà al prof. Emilio Giardina, dimessosi in questi giorni, da presidente della Sidra spa.

Con questo atto il prof. Giardina si è rifiutato di ipotecare il futuro dell’azienda pubblica che è stato chiamato ad amministrare, protestando contro decisioni politiche che ne avrebbero compromesso la solidità finanziaria.

La giunta Bianco, infatti, intende cancellare propri debiti nei confronti della Sidra spa, causando un  disastroso disavanzo di decine di milioni di euro e compromettendo il bilancio dell’azienda partecipata.

L’attuale vicenda si intreccia con i misteriosi rapporti tra il comune di Catania e l’azienda Acque di Casalotto.

Alcune settimane addietro, da Sinistra Ecologia Libertà e dalla Confcommercio, in merito agli  antichi crediti vantati dal comune nei confronti di Acque di Casalotto, vennero avanzate precise richieste, alle quali l’amministrazione comunale rispose in modo arrogante ed evasivo.

Ma oggi, alla luce della vicenda che coinvolge direttamente le finanze di un’azienda partecipata sana come la Sidra, diventa impellente che il comune dia risposte alle seguenti domande:

  • Se la Sidra spa vende acqua all’azienda Acque di Casalotto, perché questa fornitura non sarebbe stata pagata?
  • Qual è la vera origine del debito di oltre 12 milioni di euro che la giunta Bianco ha accumulato nei confronti della sua partecipata e che solo qualche settimana addietro lo stesso assessore Girlando aveva motivato “per transazione in favore delle Acque di Casalotto”?

E’ giunto il momento di fare chiarezza e riportare alla luce del sole quelli che, al momento appaiono come oscuri intrecci economico–finanziari tra la giunta Bianco e  Acque di Casalotto.

Sinistra Ecologia Libertà ha richiesto all’amministrazione comunale copia della documentazione relativi ai rapporti economici con Acque di Casalotto ed è in attesa di puntuali risposte documentali per fare chiarezza su questo annoso e oscuro dilemma.

In alto