Sport

Soffia un vento nuovo in casa Catania: l’investimento di Tacopina e la cessione del Papu…

Nonostante il 2020 sarà ricordato come un anno assurdo e tragico, soprattutto per eventi extracalcistici, in quest’ultimo mese dell’anno sta soffiando un vento diverso in casa Catania.

Se appena 5 mesi fa si è arrivati ad un passo dal fallimento, con la matricola salvata solo grazie alla tenacia e alla passione di un gruppo di imprenditori capaci di mettersi insieme e aggiudicarsi il bando emesso dal tribunale di Catania, oggi siamo assistendo ad un momento in cui l’elefante si è rialzato e ricomincia a camminare con la proboscide in alto.

In campionato la formazione rossazzurra sta recitando un ruolo di tutto rispetto, crescendo di settimana in settimana sia in termini di risultati che di prestazioni, e dal punto di vista societario ci si avvia verso un nuovo passaggio di proprietà che potrebbe segnare la svolta della storia del club.

Lo scorso fine settimana, infatti, è tornato nel capoluogo etneo l’avvocato americano Joe Tacopina, manager internazionale fortemente interessato all’acquisizione del Calcio Catania. L’affare, dopo un corteggiamento lungo diversi mesi, è ormai prossimo alla conclusione dopo che in questi due giorni Tacopina, insieme al suo collaboratore Sean Largotta, ha definito ulteriori accordi con Gaetano Nicolosi, azionista di maggioranza della SIGI, e altri componenti della stessa società etnea. Proficuo anche l’incontro che Tacopina ha avuto con il sindaco della città Salvo Pogliese, con quest’ultimo che ha dato massima disponibilità al manager americano per intraprendere un percorso di sviluppo che preveda investimenti anche in altri settori strategici per l’economia catanese.

Giovedì arriverà a Catania l’avvocato Salvo Arena, legale di Tacopina che ha tenuto vivi in questi mesi i rapporti con i legali di SIGI (in particolar modo l’avvocato Augello) e così si potrà mettere la firma su un preaccordo che porterà al closing dell’affare previsto per la metà di gennaio. Nel frattempo, Dante Scibilia, altro dirigente scelto da Tacopina dopo avere lavorato insieme già a Venezia, inizierà a valutare documenti e strategie per permettere al club di rilanciarsi sotto tanti punti di vista, non solo calcistici.

È chiaro come l’arrivo di Tacopina porterà nuova liquidità nelle casse rossazzurre, ma nel mese di gennaio potrebbero arrivare altri introiti per il club rossazzurro. Il Catania, infatti, assiste con attenzione all’evoluzione del caso Gomez in casa Atalanta perché, come già detto precedentemente, in caso di cessione del Papu i rossazzurri otterrebbero il 25% della cifra di vendita del capitano nerazzurro. Una cessione che, giorno dopo giorno, appare sempre più probabile per via di un rapporto tra Gomez e Gasperini che è ormai arrivato al capolinea.

Insomma, tra la fine di quest’anno e l’inizio del nuovo il Catania potrebbe ottenere quella serenità economica che manca da diverso tempo così da concentrarsi con maggiore forza al campo e, chissà che, con la ritrovata solidità societaria anche la squadra non riesca a fare il salto giusto per lasciare questa categoria e tornare a calcare palcoscenici più importanti.

In alto